La nuova Blondie per Sebastian

19 novembre 2009 
<p>La nuova Blondie per Sebastian</p>
PHOTO CLAUDIO MARGOTTA -

Abbiamo trascorso dieci minuti in chat con Micky Green, testimonial dei prodotti hairstyling Sebastian e giovane star della musica indie, chiedendole se ha le stesse manie delle sue colleghe cantanti.

Nata 25 anni fa a Sidney, in Australia, inizia la carriera di modella giovanissima ma senza soddisfazione. La sua vera passione è la musica: Micky Green, alias Michaela Ghermann, ora è un'artista poliedrica che cambia spesso look: nel video del singolo "Baby" sembra la ragazza di un cow boy; in "Shoulda" è una Gwen Stefani con rossetti accessi e qualche anno in meno; nel suo ultimo successo "Oh!" scuote un carrè platino con frangia a ritmo di musica così come faceva Blondie nel mitico video "Call me". In fatto di stile Micky non lascia il minimo dubbio: sarà d'ispirazione per molte giovani donne.

Sei affezionata alla tua immagine?
Mi piace cambiare mantenendo però un glamour classico. Una cosa che non modifico mai sono i capelli. Solo una volta l'ho fatto: l'anno scorso mi sono tinta di rosso. E ho pensato: questa non sono io. Così, piano piano sono tornata la bionda di sempre.

Ma sei una vera bionda?
Sì, ma il mio colore non è così chiaro: è più dorato. Così uso una colorazione platino: la tengo in posa per 15 minuti e il gioco è fatto.

Sei diventata un'icona internazionale. Ma qual è la tua?
Jane Birkin negli anni Settanta. Ma anche Carine Roitfield.

Cosa pensi delle parrucche? Ne useresti?
Amo le parrucche! Sono divertenti. Chiunque può usarle per diventare bionda ("come me?" vorrà dire! ndr). Quand'ero più piccola mi piaceva indossarle per trasformarmi in castana.

Da dove trai ispirazione per i tuoi look?
Dai film di Hitchcock! Mi piacciono i classici. E poi mixo il tutto con uno stile pin-up.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).