Il taglio icona del decennio

22 gennaio 2010 
<p>Il taglio icona del decennio</p>

Il taglio degli anni 2000-2010? Il pob, alias il posh-bob di Victoria Beckam. Almeno questo è quanto dice un'indagine condotta da Head&Shoulders (marchio USA specializzato nella cura del capello) nel territorio "trend setter" per eccellenza: l'Inghilterra.
Dietro a cotanto taglio non poteva che esserci Ben Cooke, l'hair stylist delle celebs, che nel 2006 ha messo mano sui capelli di Vic e con piglio creativo le ha stravolto (in positivo) le lunghezze. Niente voli pindalici però, Ben ha preso un classico bob e l'ha adattato al carattere della star, esagerando un po' con le asimmetrie per conferirgli un contenuto più attuale. Il bob sarà anche un classico ma la sua versione rivisitata è decisamente "in" tanto che a Hollywood ha spopolato fin da subito (fra le pob lovers ci sono state sia Katie Kolmes che Eva Longoria). Se lo merita perciò il titolo di taglio icona del decennio e pensate che, ancora oggi, è ancora il più richiesto ai parrucchieri!
Il bello è, infatti, che il pob essendo sia facile da creare sia da portare, è versatile e sta bene a tutte. E se stufa si possono sempre seguire nuovamente le orme della Posh Spice lanciandosi in un "pixie crop" (taglio da folletto), uno styling più scanzonato e un po' più boyish a cui si è convertita dopo due anni di fedeltà al Pob.
Ma il Posh Bob non è stato l'unico styling più copiato dalle fashion addicted, a ruota seguono le biondissime onde scivolate della gossip girl Blake Lyvely e della DJ Cat Deeley, il suo "crop" platino (taglio liscio ed elegante boy-like) di Agyness Deyn e il look alla Edie Sedgwick di Sienna Miller. Previsioni per il futuro? Noi di Style.it crediamo che il pixie crop tornerà in auge grazie alla suo piglio allegro disincantato. E puntiamo su un look alla Agyness Deyn nella sua variante più dark. Per iniziare con grinta il nuovo decennio.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).