Specchio digitale, e il make-up appare!

10 febbraio 2010 
<p>Specchio digitale, e il make-up appare!</p>

Specchio, specchio delle mie brame qual è il miglior make up del reame? Da oggi gli specchi parlano e nei malls di Tokyo consigliano quale trucco sta meglio. Il merito è di Shiseido, leader giapponese nel settore beauty, che ha progettato il Digital Cosmetic Mirror, uno specchio che va in aiuto dei makeup artists nei grandi magazzini affollati.
La tecnologia che sta dietro è l'Augmented Reality (realtà aumentata), una particolare estensione del virtuale che sovrappone alla realtà percepita una realtà simulata generata dal computer, in modo da rendere la percezione finale estremamente vera.
Lo specchio, che funge da monitor, per prima cosa analizza il volto per stabilire il colore della pelle in modo da suggerire i trucchi e i colori più adatti di tutto l'"armamentario" Shiseido, fra cui, con un semplice tocco, si potrà scegliere cosa provare.
Proprio così, provare, perché lo specchio cosmetico non si limita ad un consiglio ma mostra anche il riflesso completamente truccato con i prodotti selezionati: basta toccare l'immagine del fondotinta che la pelle appare perfetta, selezionare l'ombretto e aprire e chiudere gli occhi che il colore è su!
Nel paradiso dei manga mancava solo questo. Ma noi che ci siamo fermati alle imprese di Holly e Benji, che gli Emo li capiamo a stento e che le Harajuko girls le consideriamo ragazze alle prese con esercizi di stile inverosimili, ci abitueremo mai ad un metodo così "asettico" e tecnologicamente avanzato? Certo è comodo, in dieci minuti si può scegliere tutto ciò di cui si ha bisogno senza struccarsi.  Alcune di noi continueranno preferire le coccole (e le chiacchiere!) dei make up artists e quindi a preferire scelte "emotive".
Non si sa ancora quando arriverà in Italia, ma per ora possiamo gustarci questo video.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).