London Calling AI 10/11

27 febbraio 2010 
<p>London Calling AI 10/11</p>

Sto scrivendo questo blog da Milano, in realtà: i ritmi deliranti di Londra han fatto sì che io potessi fermarmi soltanto ora. Ovviamente la sveglia è per le 6 di mattina domani, quindi gli impacchi di camomilla serviranno a poco.

Dunque…. Londra, Londra, Londra… ci vivo, da otto anni, patria dell'inventiva e del genio creativo che ha completa libertà di espressione. Che cosa si produce durante la settimana della moda?

Lee McQueen diceva che Londra vale quanto New York, Tokio, Parigi e Milano messe insieme: tale è la creatività di queste piccole vie di villette a schiera e giardini ovviamente inutilizzati.

Come dargli torto? A Londra può succedere DI TUTTO.

Degni di nota: la sfilata-show di Hannah Marshall con la quale ho già lavorato per un servizio fotografico ed è la classica ragazza londinese molto "cool". Si è lasciata affiancare dalla mitica truccatrice Alex Box (se non possedete il suo libro di trucco scattato da Rankin rimediate immediatamente, mollate questo blog, andate su ebay. No, no: ORA!)

Il suo approccio "old school" al trucco ricorda quello dei grandi truccatori di altri tempi: ha usato un effetto di ombreggiature da quadro antico con la sfrontatezza del punk moderno. Immaginate se Siouxsie Sioux interpretasse la Monnalisa di Leonardo e ci siete vicini. All 'immancabile contorno degli zigomi si sono aggiunte delle labbra blu scurissimo che solo la bacchetta magica di Alex riesce a trasformare dal gotico all'elegante: non siamo a Camden town, ma in un film noir francese a colori patina anni '70. J'adore…

Alla sfilata di Betty Jackson (che donna bellissima!!!) c'erano labbra rosso mattone sfumate delicatamente verso l'esterno che richiamavano la delicatezza de "La dama con ermellino" di Leonardo mentre un accenno di ombra sulle sopracciglia e leggera definizione dell'incavo aiutavano le luci a posarsi nei punti giusti.

Anche Charles Anastase e Richard Nicoll hanno voluto delle labbra rosso prugna o mattone.

Da Roksanda Ilincic (che ha vinto il primo posto su Vogue per la colonna sonora della stagione!) la make-up artist Lucia Pica ha creato un meraviglioso mix di tre rossetti e un gloss per adornare le labbra della texture perfetta di glamour necessaria a rendere queste modelle divine. Glitter di oro finissimo è stato pressato poi sulle palpebre in abbondanza fino al sopracciglio e continuava fino agli zigomi mischiandosi con glitter argento/rosso come punto luce. Il tutto su un fard in crema che definire delizioso non era rendergli giustizia. Tantissimo e controllatissimo mascara nero sulle ciglia ultra girate mantenevano il look uber chic: un trucco che solamente il giusto equilibrio delle quantità può trasformare dall'immagine della ragazzina alla donna intoccabile. Freschezza ed eleganza in un colpo solo. Brava Lucia!

Sempre Lucia Pica si è sbizzarrita in una nuova texture della pelle backstage da House of Holland: poche gocce di olio aromatico da mischiare alla crema idratante e massaggiare sulla pelle con i polpastrelli hanno reso la pelle luminosissima e "costosa".
Questo tipo di donna ama la naturalezza e spende tempo e denaro alla Spa più che nei negozi di trucco. Un tono più scuro del fondotinta poi ha assicurato un effetto realistico di abbronzatura sana, e un colore in crema con toni di bronzo ha definito ulteriormente le tempie e gli zigomi: superbo. Un tocco di magica crema egiziana di Lucia ha aggiunto l'extra lifting necessario a portare queste donne nell'era della bellezza digitale.
Quanta sapienza (e prodotti)  in un trucco che a primo impatto può sembrare naturale!


GUARDA IL MIO ALBUM DI FOTO

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Grazie Corinne! piacere di conoscerti! Brava che trucchi: è un lavoro fantastico... In bocca al lupo! :)

corinne 81 mesi fa

ciAO , mi hanno passato il tuo blog sono una make up artist alle prime armi e misa che diventero una tua fan spacchi tutto :)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).