Trend report dall'India

01 aprile 2010 
<p>Trend report dall'India</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Si è conclusa la settimana della moda a Delhi, in India: approssimativamente 82 designers per 40 shows in 5 giorni! Il classico trucco indiano si e' unito alle culture europee: colori luminosi che hanno riportato la freschezza dell'immagine, toni delicati ma spinti all'estremo nell'arte propriamente indiana del contornare il viso. E c'era anche l'immancabile oro a impreziosire gli occhi e le labbra.

L'India mantiene la sua eredita' intatta e se sottrae, sottrae al trucco e ai capelli stavolta, non ai vestiti. I capelli assumono forme grafiche e architettoniche mentre il trucco si sbizzarrisce senza occupare il centro della scena.

Il principe Raghavendra Rathore, o Raghu, mi dice: «Il nostro make-up te lo ricordi una vita!». Le sue donne hanno sfilato con eleganza sublime mixando influenze newyorkesi con le piu' antiche tradizioni indiane (e fidatevi, la sua famiglia ha un albero genealogico che coprirebbe una parete!).

Diverso ma sempre votato all'eleganza e alla semplicità e essenzialità delle forme, chiude la settimana della moda Rajesh Pratap indiano spesso catapultato a Parigi. Di nuovo i suoi vestiti hanno la precedenza rispetto al trucco e parrucco: non è un segno negativo, anzio. Io lo vedo come un passo importante verso un ideale di bellezza sopra le righe.

Primo tra tutti Mickey Contractor, il meraviglioso truccatore che ha osato per primo mandare Aishwarya Rai in video con un filino di trucco soltanto, stabilendo così un nuovo trend per gli anni a seguire. Finalmente l'immagine misteriosa delle pricipesse indiane si avvicina alla nostra cultura dandoci un'occasione in più per copiarne l'eleganza. Non so se voi abbiate mai provato un saree ma vi assicuro che non vi sarete mai sentite cosi' belle e femminili come in quel momento!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Irene 80 mesi fa

VERO!!! ;-)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).