Nel mondo dei giganti

06 aprile 2010 
<p>Nel mondo dei giganti</p>

Pronte per il Salone del Mobile? Beauty addicted lucidatevi le scarpe (e le unghie) e preparatevi al pout pourri di eventi che invaderà Milano: dal 13 al 19 Aprile ogni angolo della Capitale del Design avrà qualcosa con cui stupirvi. A partire dal luogo della cultura per antonomasia, l'Università Statale, che vedrà protagonista Alfabeti, un'installazione d'avanguardia architettonica pensata e curata dal beauty brand Deborah.

Vi ritroverete sovrastate da un mega mascara (Black & long), da un super D-Gloss, da una gigante Terra Luminature e da un altissimo Rossetto (Light Creator). A pavoneggiarsi nel centro ci sarà la Maxiterra Deborah, che non sarà li per imbelletarvi il naso ma per accogliervi come una comoda seduta, per sostare e rilassarsi ammirando l'ampia corte della Ca' Granda. Insomma, sarà un po' come essere Alice nel Paese delle Meraviglie.

Ma non è tutto. In collaborazione con Frida Doveil, Mario Trimarchi e Deborah Milano "comunicheranno" il concetto di bellezza attraverso un linguaggio molto particolare: maxi lettere in alluminio, quasi dei paraventi, intagliati con tecniche computerizzate in forme geometriche. Un'installazione design unica, immersa in un gioco di luci e ombre.

Dal 2002 Deborah Milano strizza l'occhio alle linee e alle curve (non  vostre!) del disegno industriale proponendo packaging d'avanguardia progettati da Mario Trimarchi, che ha dichiarato: "Architettura e oggetto, in fondo, sono la stessa cosa, solo con una scala di misura diversa. L'unica differenza che mi affascina molto, è che gli oggetti della cosmesi stanno nelle mani delle donne. Per questo disegno per Deborah l'architettura delle cose come pura emozione".

IN PILLOLE
COSA Alfabeti
DOVE Università degli Studi di Milano - Via Festa del Perdono 7, Milano
QUANDO dal 13 aprile al 19 aprile

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).