Maquillage di ceralacca

26 aprile 2010 
<p>Maquillage di ceralacca</p>
PHOTO MARTINA LUISETTI -

Visto che il mio volo London-Bologna è stato annullato causa famoso vulcano (dovevo andare al Cosmoprof  a lavorare al fianco del mitico hairstylist Angelo Seminara, maledetto vulcano!) ho mandato un po' di email in giro avvertendo i miei collaboratori abituali che sarei stata disponibile per un'altra settimana su Londra.

Mi hanno chiamata all'utimo minuto per un lavoro che uscirà su due mega giornali. Il nome del fotografo sul set è Nico Stinghe, rumeno residente a Montreal da 16 anni, esperto di luci e giochi digitali, appassionato di viaggi e ragazzo di mondo. Lo accompagna a Londra una delle stylist più belle che io abbia mai visto: Marie-Claude Guay che è anche co-proprietaria della casa di moda canadese Station8.

Prima del servizio Nico mi ha mandato un'e-mail con le foto di ispirazione per il nostro servizio: bellissime ma che ricoprivano quasi tutta la storia del trucco, dal 1900 a oggi. In più mi chiedeva "qualcosa" di speciale, mai visto prima.

Con solo un giorno di preparazione non mi rimaneva molto tempo per creare qualcosa. Decido così di rovisitare tra gli scheletri nel mio armadio (che sarebbero i trucchi "extra") e svuoto 3 metri x 2.50 di robina e robetta: piume, nastri isolanti, perline, forcine, qualsiasi cosa possa farmi gioco nel creare qualcosa di nuovo.

All'improvviso, non so perché, mi vengono in mente i timbri di cera lacca: li uso per tutte le lettere che scrivo ai miei amici piu' cari (mi spiace, ma l'email NON e' la stessa cosa) e penso alla bellezza della cera lacca, la sua superficie liscissima e lucidissima, il rilievo che crea quando il timbro ne sposta la superficie, le venaturine bruciate date dal fuoco che la fa fondere. Mmm! Mi sono detta: «E se ricreassi un timbro di cera lacca da attaccare alle labbra della modella? con l'effetto da lontano un po' anni 20 un po' gloss colato?». Ma sì. Mi ci sono volute più di quattro ore per trovare la formula perfetta (miscuglio di cera lacca, cera normale e i soli e unici pigmenti iridescenti di mac) ma alla fine ce l'ho fatta.

Marie, visti i risultati postumi, mi ha detto che non aveva mai visto una cosa così! Bene, il mio compito è stato eseguito correttamente allora! Per non parlare delle ciglia fatte di nastro isolante arricciato nero dovrete aspettare il prossimo blog hehe ma intanto... Vi piace la modella "timbrata"?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

grazie bella!

Mi piace eccome!! Complimenti!!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).