Il video Alejandro e il look di Lady Gaga

09 giugno 2010 

Ancora una volta stupisce. Lei, il cast, le dissonanze. E' online da qualche ora il nuovo, attesissimo video di Lady Gaga, questa volta diretta dal fotografo di moda Steven Klein. E' tutto provocatorio: dagli abiti-non-abiti, al look blasfemo comprensivo di fruste e rosari, fino alle scene "hot" su letti in ferro. L'unica cosa convenzionale è la ballata latina, in forte contrapposizione persino con il suo bob platino (che a seconda delle scene potremmo confondere con quello di Twiggy, di Madonna, o addirittura di Kylie Minogue). 

La regina del pop si presenta in versione fetish circondata da militari, con sopracciglia decolorate e rossetto rosso matt sulle labbra. Un video haute couture. Eccolo qui. Anche se, Like a prayer (della signora Ciccone) rimane sempre Like a prayer.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
alysia87 79 mesi fa

Penso che Lady Gaga sia non la nuova regina pop ma ben sì L'imperatrice del pop...ricordiamo che lei sta inventanto un nuovo stile e genere musicale. Se alcune cose fatte da lei possono ricordarvi cose già fatte...vi dico che lei le reinterpreta in una nuova chiave e soprattutto reinterpretandole omaggia Lady Ciccone, fonte sicura di ispirazione!...solo il tempo darà la conferma di quello che penso, la sua carriera è appena cominciata e perchè no potrebbe divenire anche lei un'icona come Madonna o Elvis.

fla88 79 mesi fa

com'è bella la canzone.. il video come al solito non contiene proprio niente di sobrio..

rox 79 mesi fa

se fossi al posto suo direi grazie a Madona, Chrisrina, Keyli è a tutte le altri grandi cantanti e non direi nient altro

buffy29 79 mesi fa

il video e la canzone sono carini...ma purtroppo per lei Madonna è arrivata prima di tutte! io fossi in lei eviterei di scopiazzare lady Ciccone...

Bella e bello il video!!

jojo 79 mesi fa

questa se non si mette in mutande non è contenta

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).