Nuovo, idilliaco, Infusion d'Iris Prada

01 luglio 2010 
<p>Nuovo, idilliaco, Infusion d'Iris Prada</p>

Vi racconto la mia "prima volta" con Infusion d'Iris Eau de Toilette, la nuova versione del profumo cult firmato Prada. Non è stato come sentire un remake di un brano musicale (come a volte succede con le eau de toilette nate dopo la versione eau de parfum), ma è stato come ritrovare un qualcosa che veramente mi appartiene, un odore talmente semplice che viene da chiedersi come mai nessuno ci aveva pensato prima.

Una nuvola sul polso, inspiro, chiudo gli occhi e davanti a me appaiono campi di lavanda e fiori d'iris, piume, vasi colmi di viole e mughetti e una sensazione di aria fresca. Quasi quasi sembra che i miei capelli si stiano spostando. No: è solo la ragazza che passa da una giornalista all'altra per fare annusare il nuovo jus creato da Daniela Andrier, il naso geniale che collabora con Prada (è sua l'Eau Ambrée). Rivoluzionaria e destinata anche lei, come il suo predecessore, a segnare il mondo della profumeria.

«All'inizio del progetto abbiamo messo tanti agrumi - dice Daniela Andrier, con accento francese - abbiamo spedito a Milano il risultato, ma quando Miuccia Prada lo ha sentito ci ha risposto che era un'eau de toilette troppo evidente, già sentita. Così, ne ho creato un altro. E a quel punto è stato tutto più semplice, proprio come inviare una mail, come cliccare sul tasto "send"»

Come è capitato per alcune collezioni moda, la semplicità è ancora un tema rivoluzionario. Non si tratta di austerity, ma di studio sulla femminilità pura: armonia tra le componenti, materie prime preziose e di alta qualità, interpretazioni di ricordi. In Infusion d'Iris Eau de Toilette Daniela ci ha messo anche i suoi di ricordi: «Annusare il mughetto è come rivivere le giornate di festa del Primo maggio, quando in Francia hanno tutti tra le mani un rametto di fiori bianchi. E poi c'è ancora l'iris: mia figlia ha quattro anni e come tutti i bambini non coglie i fiori con lo stelo lungo, ma stacca solo la corolla. E' stata lei a suggerirmi impliciatamente di usare anche il fiore e non solo le radici». E poi, ci ha raccontato «piace anche a suo marito!».

Risultato: la nuova Eau de Toilette è fresca, raffinata, delicata ma con una sua personalità. Non saprei dire altro se non "buona". Provatela appena arriva in profumeria a settembre. Oppure ne trovate già qualche edizione negli store Prada da metà luglio. Non vi deluderà. Neanche nel prezzo, perchè costa 95 euro il 200 ml! Una maxi boccetta tutta in vetro satinato con la targhetta in metallo bianco incisa. Una meraviglia da tenere come soprammobile. Altrimenti c'è il classico 50 ml a 61 euro.

Insomma, a me è piaciuto. E l'ho fatto mio. Fatemi sapere le vostre impressioni! Attendo con ansia.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).