Attenzione alle lenti a contatto "manga"

13 luglio 2010 
<p>Attenzione alle lenti a contatto "manga"</p>

In principio furono i manga. Poi venne Lady Gaga, con i suoi occhi tondi e incredibilmente grandi sfoggiati nel video cult di Bad Romance. E poco importa che lo sguardo della cantante sia frutto delle magie della post-produzione: molti giovanissimi ricorrono alle circle lenses per ottenere lo stesso look da cartone animato.

Si tratta di lenti a contatto cosmetiche progettate per ingrandire la pupilla a dismisura, spostando artificialmente i contorni dell'iride e regalando così l'impressione di occhi enormi. Una vera e beauty-obsession, nata tra i cos-player di Corea e Giappone, che viaggiando a fil di rete  si sta diffondendo a macchia d'olio tra i teenager degli Usa e del Nord Europa. Ma questo fenomeno nasconde dei seri rischi: perché le circle lenses,  prodotte invariabilmente in Asia, si acquistano su Internet senza prescrizione. Proposte a pochi dollari, difficilmente incontrano gli standard di qualità e sicurezza che dovrebbero essere garantiti per delle lenti a contatto: e da qui all'allarme lanciato dalla FDA, il passo è stato breve.

Karen Ryley, portavoce dell'ente governativo statunitense, ha affidato al NY Daily News un serissimo comunicato: «Chi usa queste lenti mette seriamente a repentaglio la propria salute, e arriva a rischiare la cecità permanente». Perché, come spiegano i medici, l'incerta qualità dei materiali potrebbe causare alla cornea una carenza di ossigeno: una condizione che può provocare ulcere e infezioni, provocando così danni irreversibili alla vista.

Il messaggio è chiaro: vale la pena di rischiare tanto per regalarsi uno sguardo da bambola che dura appena qualche ora?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).