La Crema Antietà? «Iniziate a 16 anni»

21 luglio 2010 
<p>La Crema Antietà? «Iniziate a 16 anni»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Abbiamo chiesto ad alcuni esperti quando si deve iniziare a usare la crema antirughe. La domanda è nata a una convention su un nuovo siero viso (rivoluzionario) che sarà lanciato a settembre da Clinique: in quest'occasione, Paolo Giacomoni, Direttore Ricerca e Sviluppo del marchio ha dichiarato che:

«bisogna iniziare con la crema antietà il prima possibile».

Ma quanto "prima"?

«A 16 anni. E' come parlare di una crema con filtri solari: la si usa sempre, non importa l'età!».

Ma l'antiage funziona anche sulle pelli giovani?

«Ma certo! Sfatiamo una credenza frequente: la pelle non si "abitua" all'antirughe. Iniziamo a invecchiare dal momento della nostra nascita e il processo degenerativo avanza nel tempo. Ecco perché è meglio intervenire il prima possibile» conclude Giacomoni.

Incredibile. E pensare che in profumeria succede spesso che le commesse non ti consiglino l'antietà perché "troppo forte". Sicuramente sarà capitato anche a te. Abbiamo quindi chiesto anche a Carlo Introini, cosmetologo Shiseido.

E' quindi vero che prima si inizia meglio è? Perché?

«Sì. Far regredire le rughe e la perdita dell'elasticità cutanea una volta che si sono manifestate è molto difficile. L'invecchiamento cutaneo infatti inizia appena dopo i 20 anni ed è importante partire da qui se si vogliono prevenire i danni, difficilmente rimediabili dopo i 40».

Allora perché si consigliano creme antietà solo a persone over 30, 40 o 50?

«Perché la pelle delle varie età ha ovviamente esigenze diverse. I giovani hanno sistemi di riparo efficienti mentre dopo i 40 anni tali sistemi non sono più altrettanto validi e si manifestano i danni. Attualmente tuttavia non c'è una cultura in questo senso e i preparati anti aging sono in genere rivolti a persone oltre i 40».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).