Lato b: grande è bello

23 luglio 2010 
<p>Lato b: grande è bello</p>

Curve? Sì, grazie. Da Serena Williams a Jennifer Lopez, le star dai fianchi voluttuosi  fanno scuola. E il New York Daily News elegge un posteriore ben tornito la tendenza più hot dell'Estate 2010.

Se il fisico mediterraneo è sempre stato il vostro cruccio, è giunto (finalmente)  il momento di ricredervi. Le buone notizie arrivano da oltreoceano: dalle spiagge della California a quelle di Miami, un derrière abbondante è ormai considerato un plus.

Le ragioni di questa inversione di tendenza? Innanzitutto il successo di tante star che delle loro "curve pericolose" hanno fatto un marchio di fabbrica. Antesignana in questo senso è stata JLo, che ha assicurato le sue grazie per 27 milioni di dollari; ma tra le rappresentanti della categoria ci sono anche la stella del tennis Serena Williams, che sarà protagonista del numero di agosto di Harper's Bazar e la socialite Kim Kardashian, che al Daily News  ha dichiarato: " A scuola mi prendevano in giro per il mio sedere abbondante. All'epoca ho sofferto, ma poi ho imparato ad apprezzare ogni centimetro del mio corpo: curve comprese".

In più, la moda dell'estate, che vede gli shorts protagonisti, sembra fatta apposta per mettere in risalto il lato b. Anche Maria Lourdes Ciccone, già trend-setter a dispetto dei suoi tredici anni, ammette nel suo blog di nutrire una vera ossessione per i pantaloni corti in stile anni '80, proprio quelli che ingrossano irrimediabilmente il derrière.

"Finalmente si sta facendo strada un concetto più ampio di bellezza" afferma Sharon Graubard, esperta di tendenze di Stylesight. "Grazie all'eterogeneità della popolazione degli Stati Uniti, canoni di bellezza tipici della cultura latina o di quella afro-americana stanno diventando comunemente accettati: è una conquista per le donne e per l'intera società".

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).