Il Congresso chiede etichette più trasparenti

23 settembre 2010 
<p>Il Congresso chiede etichette più trasparenti</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Cosa c'è nei cosmetici che usiamo? Se lo chiede anche il Congresso Americano, che ha redatto una proposta di legge per rendere più trasparenti le etichette dei prodotti beauty.

Si chiama Safe Cosmetic Act of 2010, ed è una proposta di legge che, se verrà approvata, richiederà più trasparenza alle industrie cosmetiche americane. In base al testo, i produttori saranno obbligati a dichiarare, sull'etichetta tutti gli additivi chimici presenti nei loro prodotti e a indicare inoltre i loro possibili effetti collaterali.

Questo implica una supervisione da parte della Food and Drug Administration che ha avuto, fin'ora, ben poca voce in capitolo. Come riporta il portavoce dell'organizzazione «A oggi solo i coloranti sono stottoposti all'approvazione dell'Fda: per questo è il produttore l'unico responsabile della sicurezza dei cosmetici».

Un passo avanti, dunque, in tema di sicurezza, ma anche una nuova sfida. Perché, come spiega il Dr. Farhangrazi - neuro scienziato ed editor di Biotrends - è anche il consumatore a dover cambiare. È indispensabile adottare un atteggiamento critico:  se fino a oggi bastava chiedersi  "quale colore mi sta bene?" è il momento di cominciare a farsi altre domande.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).