Rivoluzione verde

07 ottobre 2010 
<p>Rivoluzione verde</p>

Se ami la natura e vorresti vivere in un mondo migliore, la differenza puoi farla scegliendo prodotti a basso impatto ambientale.

Garnier ad esempio, crea prodotti ecosostenibili, e anno dopo anno è sempre più "responsabile": il suo impegno va dalla riduzione dei consumi acqua ed energia, al contenimento degli scarichi industriali, alla limitazione delle emissioni e ovviamente al riciclo degli scarti.

Per intenderci: lo stabilimento di Libramont in Belgio (che produce alcune delle colorazioni Garnier) è alimentato al 100% con energia pulita. Nello stabilimento di Settimo Torinese, dove si produce lo shampoo Fructis, si è ridotto il consumo di energia e d'acqua, si recuperano gli imballi e, il calore sviluppato dalle macchine ad aria compressa viene usato per scaldare un magazzino. Ma la ricerca di Garnier va a monte, scegliendo sempre materie prime che vengono coltivate secondo processi "green" e lavorate riducendo al minimo l'impatto ambientale garantendo così l'alta qualità dei principi attivi. Ma non è finita. Garnier è leader anche nel pack che utilizza per i suoi prodotti.

Dal 2005 infatti utilizza uno speciale cartoncino certificato FSC (Forest Stewardship Council) ossia prodotto da un legno estratto a garanzia di una gestione della foresta che rispetta l'uomo e la natura. E per non farsi mancare nulla, Garnier è anche al fianco di Federparchi e sviluppa progetti per la salvaguardia e la tutela del patrimonio naturale italiano. Quest'anno l'interesse è per il Parco delle Cinque Terre. Tutto qui? Se anche tu vuoi fare dei piccoli passi a favore della natura,oltre a scegliere prodotti ecosostenibili,  sul sito di Garnier per il 2010 trovi il calendario Green che puoi scaricare sul tuo pc e che ti suggerisce dei piccoli trucchi per dare un tuo contibuto per un mondo più verde….e più bello!

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).