Kiehl's e Jeff Koons insieme per aiutare i bambini

03 novembre 2010 
<p>Kiehl's&nbsp;e Jeff Koons insieme per aiutare i bambini</p>

Jeff Koons è uno dei maggiori artisti contemporanei di fama internazionale del nostro tempo. Sue le sculture icona quali Rabbit (il coniglio in acciaio, 1986), Michael Jackson e Bubbles (in ceramica, 1988) ma anche la scultura floreale monumentale Puppy (1992), e Split-Rocker (esposta a Versailles nell'estate del 2008).

Saranno proprio i fiori di Jeff Koons i protagonisti di una partnership benefica con Kiehl's, il brand di cosmesi naturale che vanta innumerevoli progetti benefici nel suo storico. L'artista ha infatti "vestito" le etichette dell'edizione limitata di  Creme de Corps Holiday Collection con l'opera Tulips che fa parte della serie icona Celebration Series.

La linea comprende la nuova Cremede Corps Whipped Body Butter e la classica Creme de Corps e sarà venduta nelle boutique Kiehl's a Milano (Corso di Porta Ticinese, 40 - Via Brera, 2 - Corner presso La Rinascente Duomo) a partire dai primi di dicembre.

Il 100% degli utili netti di Kiehl's derivanti dalla vendita di questi prodotti sarà devoluto al The Koons Family Institute, un'iniziativa dell'International Centre for Missing and Exploited Children (ICMEC - Centro internazionale per i bambini scomparsi e sfruttati) che si adopera per aiutare i bambini sfruttati.

Il progetto di Kiehl's prevede attraverso queste donazioni di  convincere più Paesi possibile a sottoscrivere  convenzioni internazionali per la tutela dei minori e contribuire a creare centri operativi per i bambini scomparsi e sfruttati in ogni parte del mondo espandendo il lavoro di ICMEC in altri paesi, e aiutando l'organizzazione a promulgare leggi efficaci contro la pornografia infantile.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).