Enrico Mariotti: «Liscio o riccio, ma naturale»

15 dicembre 2010 
<p>Enrico Mariotti: «Liscio o riccio, ma naturale»</p>

L'inverno, da calendario, comincerà il 21 dicembre. Noi abbiamo chiesto a Enrico Mariotti, hair stylist per Pantene Pro-V, di spiegarci quali saranno gli stili per i prossimi mesi. Lungo, corto o medio? Biondo o scuro?

Quali sono le tendenze per l'inverno 2010/2011?
«La parola d'ordine è: estrema naturalezza. Il capello deve essere molto curato e naturale nei movimenti, ondulato ma non eccessivamente, non selvaggio. Il movimento naturale può essere raggiunto aiutandosi con un ferro o con dei prodotti ad hoc come le mousse. Strumenti e prodotti utilizzabili anche se si vuole un gonfio frisé o riccio».

Il consiglio per un riccio naturale?
«Per ottenere un riccio naturale si può usare una piastra stretta, arricciarvi intorno tutte le ciocche e poi spazzolarle a lungo finché il riccio o frisé creato di base non diventi una sorta di massa nebulosa, molto morbida».

I tagli?
«E' tornato molto di moda il caschetto anni '80, più o meno lungo ma con le lunghezze scalate nella parte superiore. Anche in questo caso si può parlare di naturalezza. Se si vogliono portare i capelli lunghi ma senza eccessivo volume, un look molto di tendenza, anche molto proposto in passerella la scorsa stagione, sono le code basse e morbide, con capelli non molto tirati o delle trecce, sempre morbide e da portare lateralmente, un po' Lolita come stile».

I colori?
«Sono tornati i nocciola, i dorati, qualche rame ma molto naturale, più sulla tonalità buccia di castagna e con delle striature più chiare di uno o due toni».

C'è una donna che incarna un po' tutte queste tendenze?
«Io penso adesso possa essere Belen Rodriguez, perché ha questo taglio lungo ma scalato ma molto naturale e striature castane».

VEDI ANCHE: SPECIALE CAPELLI >>

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).