Il ritocco senza bisturi

16 marzo 2011 
<p>Il ritocco senza bisturi</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Ringiovanire e rimodellare il volto senza rivolgersi al chirurgo: oggi è possibile,  grazie all'evoluzione delle tecniche di medicina estetica.

Alzi la mano chi è soddisfatta al cento per cento del proprio viso: tutte abbiamo qualche piccola imperfezione che ci piacerebbe far sparire. La novità è che oggi si possono risolvere tanti piccoli problemi senza passare per le mani del chirurgo: la dottoressa Rosa Maria Gobbi, direttore sanitario del centro BFS di Milano ci spiega come.

Com'è possibile rimodellare un viso senza bisturi?
Semplicemente, combinando diversi protocolli di medicina estetica. Oggi questi trattamenti  consentono di intervenire con lievi ma significative modifiche per  armonizzare le caratteristiche somatiche di un volto, evitando in qualche caso il ricorso al chirurgo.

Per esempio?
Per esempio, nel caso di un naso proporzionato, ma con un'antiestetica gobbetta  si può decidere  di "appianarla" con un'iniezione di filler. Facendo ricorso ad altre tecniche, è possibile anche risollevare la punta, e correggere così un naso troppo aquilino. I risultati durano fino ad un anno: poi è necessario ripetere le iniezioni: ma il fastidio non è neanche lontanamente paragonabile a quello di una rinoplastica tradizionale!

Quali sono altri "ritocchi" che possono aiutare ad armonizzare il viso?
Gli interventi sugli zigomi - che vengono trattati con iniezioni di acido ialuronico ad alta densità - sono sempre molto significativi, perché cambiano l'incidenza della luce sul volto: si appare ringiovanite, più luminose senza che noti  alcun cambiamento. Poi, si può intervenire sul mento, un'altra zona poco considerata  che invece contribuisce invece molto all'armonia generale del viso.

Si può agire anche sul contorno occhi?
Sì, e con ottimi risultati. Usando i filler giusti, è possibile cancellare non solo le odiose zampe di gallina, ma anche borse e occhiaie. Intervenendo invece nella parte superiore dell'arcata, è possibile rialzare la palpebra, e delineare l'ala del sopracciglio, per ridonare freschezza allo sguardo.

Le labbra come possono essere trattate?
Naturalmente per le labbra l'ideale è l'acido ialuronico, che può essere usato per aumentare il volume delle labbra oppure solo per ridefinirne il contorno. Se poi c'è bisogno di ringiovanire la zona del contorno, esistono appositi peeling extra delicati, oltre che la sempre valida biorivitalizzazione.

Quali altri interventi  si possono effettuare?

Le possibilità sono moltissime: l'essenziale è studiare delle correzioni armoniose, "su misura" per il viso del paziente. Lo scopo non è cambiare il viso, ma presentarlo al suo meglio.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
elisa_motterle 69 mesi fa

Cara Rosali, sono molti i trattamenti disponibili, ma solo un medico estetico può indicarti quelli più adatti al tuo "caso". Rivolgersi a personale qualificato, che operi in strutture adeguate è assolutamente essenziale , e per non rischiare spiacevoli sorprese. Anche se si tratta di interventi mini-invasivi, la sicurezza deve venire prima di tutto.

rosali' 69 mesi fa

E tanto che non sono piu' soddisfatta del mio viso! avrei bisogno di rimodellare l'ovale (che cede) e le palpebre superiori cadenti!! consigliatemi Vi prego. Grazie

Stilishgirl 69 mesi fa

Sono convinta che c'è sempre qualcosa di cui non si è soddisfatti del proprio viso...io ad esempio ho delle ruchette d'espressione che nessuna ginnastica facciale o crema super idratante, rassodante, nutriente o anti-age secondo me potrà mai aiutarmi...ci penso da parecchio...prima o poi farò i filler o il botox..vediamo cosa mi propone il medico... Ho raccolto delle informazioni interessanti...guardate: http://www.laclinique.it/acido-ialuronico.html mi piacerebbe ancge dare un pò di volume alle labbra.. :)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).