La lady anni '50 di Moschino

25 febbraio 2011 
<p>La lady anni '50 di Moschino</p>

«La donna Moschino è una donna dell'alta società, tra gli anni '50 e '60, fotograta da Irving Penn, molto glamourous, molto elegante». Così esordisce Tom Pecheux nel descrivere il make up pensato per sfilata AI 2011-12.  La collezione è piena di occhiali, da sole e da vista e con forme allungate verso l'esterno. Quindi l'idea del make up artist è stata quella di creare sugli occhi dei grafismi che ne riprendessero la forma, allungata verso l'esterno.

«Ho pensato di adattare il trucco degli occhi alla forma degli occhiali, allungando verso l'esterno il tratto spesso di eyeliner». Il resto del make up è nude: pelle mat, un velo di fondotinta e cipria, fard sule guance e sopracciglia in evidenza, quasi aggressive per esprimere tutta la forza che la donna Moschino deve evocare e tanto mascara. Le labbra sono nude, ricoperte anzi da un velo di fondotinta, tutto è pulito.

Odile Gilbert, invece per le acconciature ha pensato di rievocare lo stile delle algide lady hitchcockiane, eleganti e con una bellezza classica come quella di Grace Kelly o più trasgressiva come Kim Novak, ma sempre glam. «Abbiamo raccolto i capelli in uno chignon a banana, tipico di quegli anni».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
sally 70 mesi fa

Meravigliosa la tendenza che si sta imponendo su questi prime catwalks milanesi, ovvero riproporre l 'eleganza sofisticata e bon ton delle icone anni'60. Anche l'hair-styling e il make- up strizzano l'occhio agli anni della Dolce Vita con cofane e grafismi. La passerella di Moschino mi è piaciuta particolarmente, perchè ha proposto due tendenze molto interessanti e ben caratterizzate: il navy-look con uniformi da ufficiale e gentildonna e il bon chic bon genre delle eroine algide e raffinate hitchcockiane.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).