Acqua for Life

01 marzo 2011 
<p>Acqua for Life</p>

Giorgio Armani lancia una grande e nuova sfida: fornire entro la fine dell'anno quaranta milioni di litri di acqua potabile alle popolazioni bisognose e soprattutto ai bambini. La sfida si chiama Acqua for Life Challenge ed è effettuata  in collaborazione con L'Oréal e l'Associazione Green Cross International (fondata da Gorbaciov) e utilizza come veicoli di promozione le due fragranze Acqua di Giò e Acqua di Gioia.

A partire dall'1 marzo e fino al 31 maggio, verranno donati cento litri di acqua potabile all'anno a diverse comunità per ogni bottiglia venduta dei due profumi. I bambini saranno i principali beneficiari dell'iniziativa a sostegno del progetto Smart Water for Green Schools, che comincerà nel Ghana e si estenderà ad altri paesi, raggiungendo il suo apice il giorno 22 marzo, in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua 2100.

Ma non finisce qui, perché ogni acquirente, una volta comprata una confezione di profumo potrà continuare l'opera di beneficenza raddoppiando la sua donazione di cento litri di acqua. Come? Tramite internet e in particolare Facebook: sulla confezione ci sarà un codice personalizzato che permetterà di diventare membro (o di fondare) un gruppo a sostegno dell'operazione.

Ciascun partecipante, infatti, tramite l'indirizzo www.facebook.com/acquaforlife, potrà creare una propria community, inviare kit promozionali e invitare gli amici a unirsi all'azione. E via di seguito. Aderendo alla community ciascuno donerà automaticamente dieci litri di acqua e creandone di proprie, accrescere l'iniziativa, verificare l'attività quotidiana ed entrare in competizione con le altre.

Dal sito www.acquaforlifechallenge.org si potrà accedere alle informazioni sulla campagna e all'aggiornamento dei risultati.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).