Il grigio di Chanel

11 marzo 2011 
<p>Il grigio di Chanel</p>

Femminilità messa a dura prova negli abiti della sfilata di Chanel per il prossimo autunno e inverno, ma con tocchi bon ton visibili soprattutto nel finale, con abiti anni '20 in pizzo e scarpe con mezzo tacco.

Il maquillage pensato da Peter Philips mantiene invece tutta l'allure femminile, pur giocando con i toni del grigio. Sugli occhi, infatti, un eyeshadow grigio metallizzato e un tocco di eyeliener. Vediamo come è stato realizzato.

Che indicazione le ha dato Karl Lagerfeld per realizzare il make up della sfilata autunno inverno 2011-12 ?
«Le tonalità dovevano essere metallizzate, luminose, intense sugli occhi. Le uniche indicazioni da parte di Karl sono state queste».

Cosa altro l'ha ispirata ? Ci può descrivere il make up ? come è stato realizzato ?
«Ho mostrato a Karl questo nuovo ombretto in crema che ho studiato per la collezione del prossimo autunno e che riassume e comprende tutte le caratteristiche che mi aveva richiesto per il trucco della sfilata. Ho utilizzato, mischiandoli, questo nuovo prodotto per gli occhi, Illusion d'Ombre - Epatant, Mirifique et Fantasme e poi ho applicato molto mascara sulle ciglia, Inimitable. infine ho sottolineato la rima degli occhi con la matita nera Crayon Yeux - Khaki Platine e un tocco di Stylo Yeux Waterproof - Ebène. Per creare un forte contrasto con gli occhi, metallizzati, intensi e sensuali, ho truccato le labbra con il rossetto "Rouge Allure Velvet », nella tonalità La Furtive, ottenendo un risultato delicato e mat. Sulle unghie lo smalto Le Vernis nella nuova tonalità Graphite. E il look è completo.

Il prodotto must di questo maquillage?
«Illusion d'Ombre, un prodotto nuovo e per me straordinario e facile da utilizzare. Suggerisco di applicarlo con le dita, perché la sua texture è unica e molto delicata».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).