"Red Door", ecco chi l'ha ripensata

20 marzo 2011 
<p>"Red Door", ecco chi l'ha ripensata</p>

 

Ripensare, ridisegnare e ristrutturare (graficamente e nei materiali) la celebre Porta Rossa, il leggendario simbolo del brand Elizabeth Arden: ecco cosa chiedeva il concorso Design Special Project, lanciato dalla maison de beauté a un secolo esatto dalla sua nascita. Ed ecco, tra tutti coloro che hanno partecipato al progetto di talent scouting (quindi studenti, persone creative, o anche veri e propri professionisti di designer, grafica, moda e architettura)  i nomi dei 4 finalisti, scelti tutti per l'originalità e l'immediatezza dei loro lavori: Francesca Curcetti (pittrice di Milano, in arte Sonika Sik); Alessio Fratini (designer romano), Andrea Martino (architetto di Buenos Aires); Elisa Turrini (graphic designer di Trento).

Grazie a loro, la celebre Red Door è stata ripensata nei seguenti modi. Come un acrilico su tela ispirato a una favola metropolitana, dedicata a tutte le donne, secondo l'idea di Francesca Curcetti. Come un'opera tessile legata all'immaginario di "Alice nel Paese delle Meraviglie", secondo Alessio Fratini. Come un disegno giocato tra contemporaneità e tradizione, secondo Andrea Martino. E, infine, come un oggetto di industrial design, che fonde in sé funzionalità ed emozioni, secondo l'idea di Elisa Turrini.

Come, dove e quando poter vedere tutti questi manufatti? Il 12 aprile a Milano, in occasione di uno speciale party organizzato nel cuore della città per l'apertura del Salone del Mobile. Nello sera dello stesso giorno (e nella medesima location del capoluogo lombardo) verrà proclamato il vincitore assoluto del progetto, alla presenza di un designer di fama mondiale.

Per restare aggiornati su Design Special Project, si consiglia di andare sul sito: www.elizabetharden.it/design!

 

 

Ripensare, ridisegnare e ristrutturare (graficamente e nei materiali) la celebre Porta Rossa, il leggendario simbolo del brand Elizabeth Arden: ecco cosa chiedeva il concorso Design Special Project, lanciato dalla maison de beauté a un secolo esatto dalla sua nascita. Ed ecco, tra tutti coloro che hanno partecipato al progetto di talent scouting (quindi studenti, persone creative, o anche veri e propri professionisti di designer, grafica, moda e architettura)  i nomi dei 4 finalisti, scelti tutti per l'originalità e l'immediatezza dei loro lavori: Francesca Curcetti (pittrice di Milano, in arte Sonika Sik); Alessio Fratini (designer romano), Andrea Martino (architetto di Buenos Aires); Elisa Turrini (graphic designer di Trento).
Grazie a loro, la celebre Red Door è stata ripensata nei seguenti modi. Come un acrilico su tela ispirato a una favola metropolitana, dedicata a tutte le donne, secondo l'idea di Francesca Curcetti. Come un'opera tessile legata all'immaginario di "Alice nel Paese delle Meraviglie", secondo Alessio Fratini. Come un disegno giocato tra contemporaneità e tradizione, secondo Andrea Martino. E, infine, come un oggetto di industrial design, che fonde in sé funzionalità ed emozioni, secondo l'idea di Elisa Turrini.
Come, dove e quando poter vedere tutti questi manufatti? Il 12 aprile a Milano, in occasione di uno speciale party organizzato nel cuore della città per l'apertura del Salone del Mobile. Nello sera dello stesso giorno (e nella medesima location del capoluogo lombardo) verrà proclamato il vincitore assoluto del progetto, alla presenza di un designer di fama mondiale.
Per restare aggiornati su Design Special Project, si consiglia di andare sul sito: www.elizabetharden.it/design!

 

 

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).