I capelli di Lady Gaga

22 marzo 2011 
PHOTO GETTY IMAGES

Lady Gaga sta perdendo i capelli e la colpa è delle numerose tinte alle quali si è sottoposta nel corso degli anni per passare da bruna a biondo platino.

A rivelarlo è stata la stessa 24enne cantante, annunciando di dover "dare un taglio" alle sostanze chimiche che mette in testa se non vuole ritrovarsi calva. E lo stesso dovrà fare con le acconciature estreme che spesso ha sfoggiato nel corso delle sue uscite pubbliche, perché anche così, avvertono gli esperti, i capelli soffrono e si spezzano, causando la cosiddetta "alopecia da trazione" (ovvero, quando i capelli cadono perchè sottoposti a stiramenti eccessivi).

«I capelli vengono letteralmente strappati dal loro follicolo e cadono - ha spiegato la dottoressa Carol Cooper al tabloid inglese The Sun - e questo in genere succede sulla fronte o sulle tempie, perché lì l'attaccatura dei capelli è più debole che sul resto della testa. Ma l'alopecia da trazione può colpire ovunque».

Lady Gaga, che una volta indicò la Principessa Diana come la sua icona di bellezza insieme con la madre, Cynthia Germanotta (il vero nome della cantante è Stefani Joanne Angelina Germanotta), ha poi raccontato alla rivista US di andare a letto ogni sera completamente truccata. «So che non va bene per la pelle - ha ammesso - ma io sono fortunata ad avere dei buoni geni. Quanto alla mia carnagione pallida, non mi piace avere la faccia abbronzata, perché fa venire le rughe».

La cantante ha poi confessato di soffrire da sempre di male ai piedi a causa dei tacchi alti che indossa non solo sul palco e di addormentarsi guardando i film dell'orrore, mentre l'ultimo consiglio di bellezza è per i fan: «Imparate ad essere voi stessi, perché ogni volta che si cerca di copiare qualcun altro si diventa noiosi».

E tutto si può dire di Lady Gaga tranne che sia noiosa.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).