Acceleratori abbronzatura, attente ai rischi

07 maggio 2011 
<p>Acceleratori abbronzatura, attente ai rischi</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Abbronzate ad ogni costo, anche a quello di mettere a repentaglio la propria salute. E laddove non si scelgono lettini o docce solari (il cui utilizzo deve essere regolamentato), ecco gli acceleratori di abbronzatura (sotto forma di pillole, creme o iniezioni), facili da reperire (basta un giro sul web) e senza troppe controindicazioni accertate (in alcuni casi mancano persino i foglietti con le spiegazioni). Peccato, però, che spesso si tratti di prodotti talmente dannosi per la pelle da causare patologie che nei casi più gravi possono arrivare addirittura al tumore alla pelle e la storia raccolta dal londinese Daily Mail dovrebbe servire da monito per chiunque.

Il racconto è della 21enne Terri Sotherton, mamma di una bimba di 18 mesi, che qualche tempo fa ha comprato online tre dosi di un prodotto chiamato Melanotan per 25 sterline: stando alla pubblicità, queste iniezioni da un milligrammo le avrebbero garantito di abbronzarsi molto più velocemente di una normale seduta sotto il sole, ma come unico risultato l'hanno fatta finire all'ospedale di Bolton. «Non posso credere di essere stata così stupida - si è sfogata la ragazza - e ora spero di non essermi procurata dei danni irreparabili. Nel pacchetto non c'erano istruzioni e così ho chiamato una mia amica che aveva usato lo stesso prodotto e lei mi disse di iniettarmene da sola un milligrammo, cosa che ho fatto. Due giorni dopo sono iniziati i problemi: la faccia mi si è gonfiata ed era di uno strano colore verde, mi prudeva e mi faceva male tanto che non riuscivo a toccarla. Allora sono andata in ospedale: il dottore non aveva mai sentito parlare del Melanotan e così ha svolto un'indagine con l'unità antiveleni. Mi hanno tenuto in osservazione per alcune ore, poi mi hanno mandato a casa e dopo pochi giorni mi sono comparsi dei nei e delle lentiggini su tutto il petto e ho paura che siano il segnale di un possibile cancro alla pelle».

Il Melanotan contiene ormoni che aumentano la melanina, ma gli effetti collaterali sono talmente pericolosi (dallo scolorimento della pelle all'abbassamento del sistema immunitario al punto che molti pazienti hanno contratto la meningite) da costringere l'inglese Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA) a mettere il prodotto fuori legge nel dicembre del 2008. Tuttavia è possibile reperirlo online, come conferma la drammatica storia di Terri.

A differenza degli autoabbronzanti, gli acceleratori di abbronzatura vanno ad agire sulla chimica del nostro corpo grazie ad alcune sostanze che rendono la nostra pelle più sensibile agli ultravioletti, facendola reagire in una maniera più forte del normale alla luce del sole grazie. Fra questi componenti, due in particolare sono finiti nel mirino: si tratta del psoralene, usato sotto controllo medico per le persone affette da psoriasi e vitiligine, ma considerata una sostanza irritante e il cui uso prolungato può perfino danneggiare il DNA; e della tiroxina, che stimola la produzione di melanina ma causa anche ansia, aritmia cardiaca e pressione sanguigna elevata. Malgrado il primo sia stato bandito dalla UE dagli ingredienti delle creme solari fin dal 1996 e secondo alcuni ricercatori italiani quadruplichi il rischio di melanoma, si può facilmente acquistare online, al pari del secondo componente.

«E' preoccupante che la gente sembri ignorare tutte gli avvertimenti riguardanti le iniezioni abbronzanti - dicono quelli della British Skin Foundation - e il fatto che un prodotto come il Melanotan non abbia la licenza di vendita in Gran Bretagna dovrebbe servire da monito per evitare di iniettarsi nel corpo sostanze di cui non si è ancora certi della loro non pericolosità». Ma evidentemente non è così.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Paolo 52 mesi fa

Ha ragione concygreco, il sole fa benissimo!! I lati positivi sovrastano nettamente i lati negativi!! Chiaramente se uno appartiene al fototipo 1 o 2 deve prendere le dovute precauzioni, ma dire che il sole fa malissimo è un'assurdità colossale!!!

concygreco 67 mesi fa

il sole,in giuste dosi,nelle ore giuste fa benissimo alla pelle,alle ossa al sistema immunitario all'umore ecc ecc.....

Giovanna 67 mesi fa

Il sole fa malissimo alla pelle, soprattutto invecchia. Se poi vogliamo farne un fatto di tendenza, allora è AUT da vari anni. Per me l'abbronzatura (moderata) va giusto bene nelle fanciulle, dopo i 30 meglio evitare. Le donne incartapecorite e inoltre pure rifatte fanno SEMPLICEMENTE ORRORE.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).