Antirughe meglio del botox?

12 maggio 2011 
<p>Antirughe meglio del botox?</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

La promessa è allettante: una crema clinicamente provata che riduce rughe e segni d'espressione di oltre il 50%; che idrata la pelle del viso e la lascia più luminosa e istantaneamente più giovane e che funziona meglio del botox, costando però dieci volte di meno, ovvero appena 10,25 sterline.

Il prodotto miracoloso si chiama Nip+Fab Frown Fix e da quando è stato messo in vendita in Inghilterra è andato esaurito nel giro di 24 ore, tanto che la catena Boots ha già ricevuto oltre 3mila richieste e c'è una lista d'attesa di quasi 8mila persone (ci si può iscrivere sul sito www.nipandfab.com), anche se si può comunque acquistare una sola confezione a testa, vista la grande richiesta. E se Jennifer Aniston, Victoria Beckham, Amy Childs, Sienna Miller e Kim Kardashian sono già diventate entusiaste sostenitrici della crema-miracolo, a scatenare questa sorta di febbre da Nip+Fab sulle comuni mortali è stato un documentario trasmesso dalla BBC nelle scorse settimane e nel quale è emerso che il 70% di chi ha usato questa crema ha riscontrato significativi miglioramenti nella profondità delle rughe e nella grana della pelle, il tutto per merito del Grant X, considerato l'alternativa naturale al botox.

«La domanda per questa crema è stata a dir poco sorprendente - ha commentato un portavoce di Boots - e abbiamo già dovuto ordinare altri stock del prodotto, ma la lista d'attesa sta diventando sempre più lunga e credo che batteremo ogni record precedente di vendita». Stando a quelli della Nip+Fab, la risposta delle clienti è paragonabile a quella che ci fu qualche mese fa per il lancio dell'Instant Line Filler.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
caterina 65 mesi fa

dove si trova questo prodotto in umbria o addirittura a terni e quanto costa?sarebbe proprio il caso di provarlo!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).