Due spose a confronto

04 luglio 2011 
<p>Due spose a confronto</p>

Ed ecco svelato il segreto sul quale ci eravamo arrovellati nei giorni scorsi: che acconciatura e che make up sceglieranno Charlene e Kate? Avevamo azzardato delle ipotesi, qualche idea ce l'eravamo fatta. Per la principessa di Monaco il pensiero era subito andato alla famosa (e un po' ingombrante) suocera e al suo mood, quindi uno stile decisamente tendente al bon ton. E le nostre previsioni sono state confermate in pieno.

Qualche dubbio lo avevamo in merito a Kate. Conoscendo il personaggio, camaleontico e sempre pronto a stupire, potevamo aspettarci qualunque cosa. Ecco su cosa ci eravamo orientate, in ordine di probabilità (sempre secondo noi):

- un mood rock glam (considerata anche la professione del marito): capelli pettinati in uno chignon ordinato ma dai volumi e dalle forme fuori dall'ordinario e un make up tutto virato sui toni del grigio metal con qualche tocco di colore, magari sulle labbra

- mood sofisticato, apposta per stupire tutti. Da vera signora come non spesso l'abbiamo vista. Uno chignon d'ordinanza, magari con dettaglio prezioso e trucco tutto virato sui toni pastello, rosa o azzurro.

- very very easy. O meglio in stile Glastonbury: capelli sciolto e dallo styling veloce, quasi inesistente, make up total nude, magari con un tocco di gloss sulle labbra.

Invece Kate ci ha piacevolmente stupiti con un'immagine fresca, giovanile, romantica, in stile Venere di Botticelli. Addirittura la bad girl del fashion system ha indossato il più tradizionale dei veli, fermato da un cerchietto con strass e fiori e orecchini di diamanti. L'abito era un John Galliano vintage e per trucco e capelli si è affidata alle mani esperte dell'hair stylist Sam Mc Knight e della make up artist Charlotte Tilbury.

A proposito di make up, un nude dai toni soft, caramello, con incarnato naturale e smoky light color biscotto. Il nostro voto nel complesso è un bel 9.

Stesso voto che diamo a Charlene, una sposa "classica" come il ruolo richiedeva, del resto. Lo chignon è dei più classici, basso sulla nuca, con ciuffo, leggero volume in cima alla testa. Il fermaglio di brillanti era azzeccatissimo, considerato anche che si trattava dell'unico gioiello indossato. Oltre a dare quel tocco di eleganza in più, dava luce al volto. Apprezziamo moltissimo la scelta di non indossare gioielli.

Il make up, curato dal truccatore Pablo Ardizzone era naturale e perfetto, con le giuste tonalità e molto simile a quello della Moss. Base uniforme, ombretto rosa antico e gloss sulle labbra.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
sweetelsa 65 mesi fa

mi danno la sensazione che entrambe abbiano commesso il peggiore sbaglio della loro vita.Deve essere talmente noioso stare accanto ad un principe con tutte quelle farse da protocollo e quelle inutile formalità.

Paola 65 mesi fa

A prescindere dai vizi (anche Alberto nn e' un santarellino) Kate Moss e' adorabile anche se bella e maledetta. Che dire delle nozze di tutti i "belli e maledetti" della storia?

macchè bella e sofisticata!Ha denti bruttissimi, è una tossica poco credibile come sposa,molto meglio Charlene con la sua classe e il suo passato di sana ragazza sportiva. Questa Moss prima ne fa di tutti i colori, viene premiata con contratti miliardari mentre andava sbattuta via con una pedata nel sedere,poi vuole fare la sposina felice! Ma per favore!

Krystel 65 mesi fa

Charlene secondo me è bellissima. Ma la tristezza, lo sguardo rassegnato e il sorriso sforzato l'hanno rovinata un po'.

frà 65 mesi fa

vero, Charlene sembra infelice. e l'abito, il trucco e la pettinatura perfettissimi sono completamente rovinati dall'espressione rassegnata e triste di lei

GrumpyS 65 mesi fa

Molto meglio Kate Moss..vestito di Galliano divino e velo antico stupendo..e poi mi sembra veramente felice..Charlene invece è palesemente infelice

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).