"Belle" scoperte dal web

12 settembre 2011 
<p>"Belle" scoperte dal web</p>
PHOTO WWW.BRITISHBEAUTYBLOGGER.COM

Chi ha inventato Internet è un genio. E su questo siamo d'accordo. Conosco una sola persona che non ne fa uso. Ogni volta che smanetto scopro cose che altrimenti non avrei mai potuto sapere, cose inutili, ed io sono affascinata dalle cose inutili, e buffe.

Essendo assolutamente selvaggia in termini di bellezza, infatti si comincia a vedere, ho la manìa assolutamente fine a se stessa, di scoprire marchi più o meno nuovi, metodi particolari di miglioramento o consigli di prodotti.
Ecco le mie recenti scoperte:
-Su Hadiqas.com apprendo che per idratare le labbra non serve solo un semplice burro cacao, tipo il buon vecchio Labello, ma altri attrezzi più o meno del mestiere. Leggo che innanzitutto è necessario bere tanta acqua, ma questo è un consiglio vecchio come il cucco, poi per rimuovere la pelle secca bisogna armarsi di spazzolino da denti. Dopo aver spazzolato bisogna applicare della vasellina e poi asciugare le labbra con una salvietta e applicare del balsamo. Tutto ciò va fatto prima di andare a letto. Mi chiedo se dopo tutto questo rovistio sulle labbra non vadano in fiamme… http://www.hadiqas.com/2011/09/get-rid-of-chapped-lips-quickly/
-Esiste uno shampoo che si chiama Gee, Your Hair Smells Terrific. Lo so grazie al blog British Beauty Blogger, da cui è partito il mio film. Popolare negli anni Settanta e Ottanta, decido che devo avere più informazioni su questo shampoo, leggo, dal forte profumo floreale, dalla confezione fucsia e soprattutto dal nome geniale. Oltre ad averci fatto un…pittoresco spot, la cui visione è vivamente consigliata, su Wikipedia c'è scritto che è stato citato anche in un episodio dei Simpson. Cerco su Ebay e… Gee, Your Hair Smells Terrific c'è. Come è donna la tentazione… http://www.youtube.com/watch?v=GGSXMRRUAAo
-Sabato ero da Sephora con il mio amico Federico, al quale, fiera, decido di mostrare i patch per le unghie che adoro. Faccia sua schifita a parte, penso l'effetto sia simile a quello della Minx Nails Art, quindi buono, giusto perché evita il personale rituale snervante e quotidiano di applicare uno smalto che tanto dopo poco si sbecca. L'alternativa era uno smalto argento, oro fa troppo Natale, che però non ho comprato perché sono stufa di metterlo male per la fretta. Su Make Up and Beauty Blog scopro una marca di smalti che non conoscevo, Nars, che ha un colore proprio argento brillantato. Ho capito, devo cedere alla potenza degli smalti, alle solite inalazioni di acetone, ai fiumi di cotone attaccati ovunque e ai pastrocchi dovuti-da-fare-le-cose-in-fretta. Smalto argento sia.

Essendo assolutamente selvaggia in termini di bellezza, (e si comincia a vedere) ho la mania assolutamente fine a se stessa, di scoprire marchi più o meno nuovi, metodi particolari di automiglioramento, o consigli di prodotti.

Ecco le mie recenti scoperte:

-Su Hadiqas.com apprendo che per idratare le labbra non serve solo un semplice burro cacao, tipo il buon vecchio Labello, ma altri attrezzi più o meno del mestiere. Leggo che innanzitutto è necessario bere tanta acqua, ma questo è un consiglio vecchio come il cucco, poi per rimuovere la pelle secca bisogna armarsi di spazzolino da denti. Dopo aver spazzolato bisogna applicare della vasellina e poi asciugare le labbra con una salvietta e applicare del balsamo.
Tutto ciò va fatto prima di andare a letto. Mi chiedo se dopo tutto questo rovistio le labbra non vadano in fiamme…

-Esiste uno shampoo che si chiama Gee, Your Hair Smells Terrific. Lo so grazie al blog British Beauty Blogger, da cui è partito il mio film.
Popolare negli anni Settanta e Ottanta, decido che devo avere più informazioni su questo shampoo, leggo, dal forte profumo floreale, dalla confezione fucsia e soprattutto dal nome geniale.
Oltre ad averci fatto un…pittoresco spot, la cui visione è vivamente consigliata, su Wikipedia c'è scritto che è stato citato anche in un episodio dei Simpson.
Cerco su Ebay e… Gee, Your Hair Smells Terrific c'è.
Come è donna la tentazione

-Sabato ero da Sephora con il mio amico Federico, al quale, fiera, decido di mostrare i patch per le unghie che adoro. Faccia sua schifita a parte, penso l'effetto sia simile a quello della Minx Nails Art, quindi buono, giusto perché evita il personale rituale snervante e quotidiano di applicare uno smalto che tanto dopo poco si sbecca.
L'alternativa era uno smalto argento, oro fa troppo Natale, che però non ho comprato perché sono stufa di metterlo male per la fretta.
Su Make Up and Beauty Blog scopro una marca di smalti che non conoscevo, Nars, che ha un colore proprio argento brillantato, quasi "lunare".
Ho capito, devo cedere alla potenza degli smalti, alle solite inalazioni di acetone, ai fiumi di cotone attaccati ovunque e ai pastrocchi dovuti-da-fare-le-cose-in-fretta. Smalto argento sia.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
gina 63 mesi fa

anche a me il tutto sembra la fiera del nulla

Lucy 63 mesi fa

Ciao Francesca, copio e incollo la mia frase del post: "Essendo assolutamente selvaggia in termini di bellezza..." . Significa che non sono certo un'esperta di bellezza, ma che mi limito a curiosare nei vari blog, grazie ai quali scopro cose che per le esperte di beauty come te sono ovvie, ma per me no. So di avere dei limiti anche grossi di conoscenze beauty, infatti con il web fatico, anche se non può sembrare, per cercare cose secondo me,ribadisco assolutamente secondo me, carine ed interessanti. Tu conoscevi Gee, Your Hair Smells Terrific? Io no, l'ho trovato un prodotto davvero curioso. Di solito non rispondo mai, ma la tua mi è sembrata una critica costruttiva e lecita, a cui spero di aver risposto in maniera esauriente. Lucia

Francesca 63 mesi fa

Ma...scrivi di bellezza e non conosci neanche una marca come Nars? Scrivi di fashion blogger e parli solo di quelle 3 più conosciute. Ampliare gli orizzonti e informarsi un po' è proprio diventato fuori moda o forse richiede troppa fatica?

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).