Principesse made in Japan

13 ottobre 2011 
<p>Principesse made in Japan</p>

Di principesse nei mesi scorsi si è sentito parlare fin troppo: Kate Middleton a Charlene Wittstock hanno dominato i nostri teleschermi e le pagine patinate delle riviste, tra matrimoni sontuosi che ci hanno fatto sognare e gossip dell'ultimo minuto che ci hanno anche un po' annoiato.

Ma ce ne sono altre, meno famose e sicuramente più divertenti che in un colorato silenzio dominano le metropoli giapponesi, a partire da Tokyo. Sono le himegyaru (dal giapponese hime-principessa e gyaru-ragazza), che interpretano in chiave moderna lo stile e l'eleganza delle principesse, Marie Antoinette in primis, tra fiocchi e pizzi, perline e cristalli, boccoli, coroncine e tanto, tanto rosa.

In effetti il guardaroba delle himegyaru ricorda molto quello delle barbie, ma non sono da confondere con lo stile bambolesco delle cosiddette "Lolita", che prediligono gonne ampie con sottovesti,  calze in vista e spesso una punta di "gothic". Le himegyaru sono decisamente più eleganti, appariscenti, lussuose. Indispensabili per loro sono gli abiti color pastello o dorati ricchi di merletti e decorazioni, nonché costosissimi, degli stilisti Liz Lisa o Jesus Diamante, i tacchi alti e le gambe scoperte.

Ma per fare di una ragazza una vera principessa degna di essere ammirata in giro per Harajuku (il quartiere delle innumerevoli tendenze giovanili della capitale giapponese) occorrono anche capelli dal volume esagerato e rigorosamente schiariti e allungati con extension, dai boccoli definiti e decorati con accessori e occhi truccati stile anime, ingranditi con un makeup marcato e resi quasi inquietanti dalle lenti a contatto stile manga.

Dettagli come unghie colorate arricchite da charms, una leggera abbronzatura d'estate e un cappottino in eco-pelliccia d'inverno, fanno di una himegyaru una vera protagonista, e perché no, regina delle strade del paese del Sol Levante.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).