In Italia i cosmetici non vanno in crisi

di Simona Marchetti 

Un'indagine del Centro Studi di Unipro sull'andamento dei canali nel secondo semestre del 2011 (con proiezioni sul primo semestre 2012), ha evidenziato una sostanziale tenuta del mercato della cosmesi

Simona Marchetti

Simona Marchetti

ContributorLeggi tutti

La cosmesi italiana sembra non conoscere la recessione, come conferma l'indagine condotta dal Centro Studi di Unipro (Associazione Italiana delle Imprese Cosmetiche) sull'andamento dei canali nel secondo semestre del 2011 (con proiezioni sul primo semestre 2012), che ha evidenziato una sostanziale tenuta del mercato dei prodotti cosmetici.

Dati alla mano, a fine anno in Italia si sono toccati i 9.300 milioni di euro, con un aumento dell'1%, mentre le previsioni per il primo semestre 2012 danno sostegno alle esportazioni, con un mercato interno ancora condizionato da una fase di attenta riflessione.

Analizzando il trend dei singoli mercati, spiccano la dinamicità dell'erboristeria (che registra un +4,5% nel secondo semestre 2011 e un +4% nel primo 2012), la conferma delle vendite in farmacia (+2,5% nel 2011 e +2,8% nel 2012) e la stabilità della GDO (grande distribuzione organizzata, con + 1,1% a fine 2011 e +1,5% nel 2012), mentre i saloni di estetica e quelli di acconciatura hanno registrato una diminuzione dei passaggi dell'1,3% nel 2011 e anche le indicazioni per il 2012 non sono delle migliori.

Fanno eccezione le catene di profumerie, che segnano un +1,2% a fine 2011 e un +1,5% nei primi sei mesi del 2012, anche se i punti vendita tradizionali soffrono pesanti contrazioni.

«Nel 2011 le esportazioni hanno sostenuto la produzione più del mercato interno - ha spiegato in una nota Fabio Rossello, presidente di Unipro - e il valore dell'export, in crescita di quasi 20 punti percentuali, supererà i 2.850 milioni di euro, portando la bilancia commerciale del settore cosmesi in attivo di circa 1.100 milioni, cifra che rappresenta un autentico primato. Più difficile, invece, la situazione sul mercato interno, pur con situazioni differenziate nei vari canali, anche se la vera costante resta il consumatore italiano, sicuramente preoccupato dalla recessione ma al tempo stesso sempre più desideroso di prodotti orientati al value for money».

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Nichi Vendola e il suo compagno sono diventati papà

    Nichi Vendola e il suo compagno sono diventati papà