Miss Arden e il "Total Beauty"

di Maria Maccari 

Dai consigli beauty incisi su disco alla nuova linea Visible Difference. La bellezza, per Miss Arden è qualcosa che va oltre il trattamento, è un concetto di benessere psicofisico che inizia con la detergenza quotidiana della pelle, prosegue con il mitico Massaggio Porta Rossa e arriva fino alla nuova linea, Visible Difference Condividi l'esperienza Visible Difference con le styler che la stanno provando per voi su http://elizabetharden.style.it/ >

Maria Maccari

Maria Maccari

Beauty editorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Un percorso che non parte e non si ferma al viso e alla cura della pelle ma che coinvolge tutto il corpo, psiche compresa, quello che miss Arden inizia a intraprendere fin dal 1910, vale a dire fin dal momento in cui inaugura il primo salone Elizabeth Arden sulla Fifth Avenue, il viale già allora più chic di New York.

E proprio nel mitico Red Door Salon, così chiamato perché delimitato all'ingresso da un portone rosso, si sviluppa e prende corpo l'idea di Total Beauty e di benessere olistico in cui credeva la fondatrice. Il Red Salon, infatti, offriva trattamenti beauty and wellness alle sue clienti, oltre a quello che diventerà il trattamento viso più famoso al mondo: il Massaggio Porta Rossa, appunto.

La forza e la differenza di Elizabeth Arden, fin da subito, stava tutta nella sua convinzione che la bellezza non è una patina che ci si spalma in faccia, non è un trucco, bensì il frutto di una cooperazione intelligente tra scienza e natura, il cui scopo è potenziare e far risaltare le risorse naturali di ciascuna donna, la propria individualità. A questo credo, fortemente rivoluzionario se pensiamo essere stato sviluppato nei primi anni del secolo scorso, si unisce la naturale propensione a cpaire le esigenze delle clienti e l'ostinata ricerca di prodotti di grande efficacia e attrattiva, ed ecco esplodere il mix che farà di questo marchio uno dei più longevi della storia della bellezza.

E' questo che porterà il Red Door Salon a formire, tra i vari servizi, anche corsi di ginnastica, psortura, yoga, danza, tip tap e scherma, proprio perché per essere belle occorreva anche essere rilassate e in forma. «Ogni donna che entra nella nostra Spa dovrebbe uscirvi avendo guadagnato tanto in fiducia ed equilibrio quanto ha ottenuto in bellezza», era una delle frasi preferite della Arden. E i passi, da quel 1910, diventano giganteschi, perché già nel 1916 Elizabeth Arden è la prima casa cosmetica a presentare una linea completa di prodotti skincare e make up, mentre nel 1940 introduce il primo kit Home Spa studiato per ricreare a casa i trattamenti di un centro benessere, che comprende un disco in vinile dal titolo The Sound of Beauty with Elizabeth Arden, antesignano dei moderni beauty tutorial.

E da quel kit e da quei consigli incisi su disco, discende direttamente la nuova linea Visible Difference e un ulteriore raccomandazione che miss Arden era solita fare alle clienti e consumatrici dei suoi prodotti: «Ci sono tre sole regole base da non trascurare e da attuare per ottenere una pelle luminosa e sana: detergere sempre e con costanza, tonificare con un buon tonico e idratare per nutrirla al meglio».

Tre step sempre validi ancora oggi, ritenuti la base da cui partire e quella da trasmettere alle giovani donne che iniziano a prendersi cura di se stesse e del proprio viso. Proprio come insegnava Elizabeth Arden un secolo fa.

CONDIVIDI L'ESPERIENZA DELLA NUOVA LINEA VISIBLE DIFFERENCE CON LE STYLER CHE LA STANNO PROVADNO PER VOI >

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter di Style.it
 

TAG CLOUD