La dieta "gialla" snelle e abbronzate

30 maggio 2008 
<p>La dieta "gialla" snelle e abbronzate</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Se la pelle appare un po' spenta e opaca e, nonostante i primi week end al sole, l'abbronzatura non ti ha reso luminosa e dorata come avresti voluto, non c'è cosmetico che tenga: occorre una sferzata di energia dall'interno! Per la bellezza della pelle in vista delle prossime overdose di sole, l'ideale è regalarsi un menu appetitoso, a base di cibi gialli e arancioni.

Questi, infatti, sono i colori dominanti della dieta di questa settimana che, oltre ad asciugare la silhouette per il moderato apporto calorico e l'equilibrio nutritivo, grazie alla presenza di peperoni, carote, nespole, mango, albicocche, pesche, melone, papaia e arance prepara la pelle a ricevere un'abbronzatura sana e duratura. Il merito va al betacarotene che, nell'organismo si converte in vitamina A. Questa sostanza, oltre dall'azione protettiva nei confronti dei danni dei raggi solari, si accumula sotto forma di pigmenti "aranciati" nel grasso dello strato sottocutaneo.

Risultato? Basta una modesta abbronzatura perché la carnagione assuma subito una tonalità più "calda" e dorata. Proprio come un auto-abbronzante che arriva dall'interno e non, come spesso si dice, per un effetto di stimolazione sulla melanina!
A questi effetti bisogna poi aggiungere il ruolo dei vegetali che, in estate, sono perfetti per soddisfare le esigenze del corpo, provato dal caldo: nutrono in leggerezza, dissetano, reintegrano i sali minerali persi con il sudore, riforniscono di vitamine e, grazie al notevole apporto di fibre, danno sprint all'intestino. Qui non troverai rigide quantità da rispettare (regolati secondo buon senso), ma tutti i "piatti forti" per dire finalmente "bye bye grigiore invernale... benvenuta estate"!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).