La dieta antiacqua

27 novembre 2009 
<p>La dieta antiacqua</p>
PHOTO ARCHIVIO CONDÉ NAST

Spesso, a compromettere la silhouette, non è solo l'accumulo di grasso ma anche la ritenzione idrica. A causa delle fisiologiche oscillazioni ormonali, in alcuni periodi del mese, tutte le donne tendono trattenere acqua nei tessuti come una spugna. Se, a questa situazione ormonale aggiungiamo uno stile di vita sedentario, una dieta squilibrata e troppo ricca di sale, un modesto difetto di circolazione (una donna su due ne soffre) il gonfiore e la cellulite diventano un fatto quasi "matematico".

Per capire se c'è un eccesso di acqua nei tessuti, basta tastare cosce e fianchi: se sono tesi, sodi e non hanno quella tipica morbidezza dei cuscinetti adiposi è segno che sono infarciti di liquido. La controprova si ha quando, da un giorno all'altro, la bilancia segnala oscillazioni notevoli o anche quando un indumento passa da "comodo" a stretto addirittura nella stessa giornata.

Ti riconosci in questo profilo? La dieta anti-acqua fa per te. Si tratta di una dieta ipocalorica (1200 calorie giornaliere circa), leggermente iperproteica, ma soprattutto iposodica cioè a bassissimo contenuto di sale. Il sodio è, dopo gli ormoni, il maggior responsabile dell'entrata dei liquidi tra le cellule: più sodio abbiamo in circolo più i nostri tessuti si gonfiano e fanno fatica a smaltire acqua e tossine.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
GIGIA 81 mesi fa

Buongiorno...ho iniziato questa dieta lunedi, ma ho un piccolo problema: ho bisogno di un piccolo spuntino tra la colazione e il pranzo e tra il pranzo e la cena. E' concesso? E se e' concesso cosa e' consigliato mangiare?

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).