La dieta per la salutista

14 novembre 2008 
<p>La dieta per la salutista</p>

Dopo la dieta per l'emotiva, per la stressata, per la pigra e per la buongustaia, è la volta della salutista: una donna sempre attenta a cosa mette nel piatto, per evitare il più possibile pesticidi e additivi, e alla costante ricerca di scelte genuine e naturali. Ma attenzione, perché non sempre mangiare sano fa rima con leggero. Il rischio è quello di esagerare con la scusa del "tanto è sano" oppure "tanto è biologico". Persino con la frutta, considerata da sempre un alimento perfetto per la salute, si corre il rischio di fare salire l'ago della bilancia se si esagera con le quantità! Poi c'è il capitolo carne e pesce che, in genere, le salutiste ad oltranza escludono totalmente o riducono al minimo.

Si tratta di una scelta sacrosanta e condividibile, ma anche qui può scattare la "beffa" perché, per compensare alla carenza proteica, si corre il rischio di esagerare con altri alimenti altrettanto ricchi di proteine, ma più calorici come per esempio i formaggi. La dieta di questa settimana è studiata per garantire un'alimentazione sana ma leggera, rigorosa ma variata, semplice ma appetitosa. Fornisce 1400-1450 calorie circa per cui non è neppure troppo drastica: in un mese si perdono circa 3 chili, in modo lento e costante. In questo modo si permette all'organismo di dimagrire in modo fisiologico, senza correre il rischio di ritrovarsi dopo poche settimane con un metabolismo più lento. In perfetto stile ...salutista!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).