Tania Cagnotto: «Mentre volo, mi libero»

20 ottobre 2010 
<p>Tania Cagnotto: «Mentre volo, mi libero»</p>
PHOTO COURTESY HERBALIFE

Il primo tuffo a 4 anni, adora la pizza e il suo attore preferito è Johnny Depp. La tuffatrice medaglia d'oro agli ultimi europei di Budapest ci ha rivelato che…

Campionessa di tuffi. Perché proprio questo sport?
«Sicuramente il fatto che i miei genitori fossero entrambi tuffatori ha influito. E poi perché è uno sport particolare, sicuramente non tra i più conosciuti».

A quale età hai capito che questo sarebbe stato il mestiere della tua vita?
«Il momento chiave della consapevolezza è arrivato quando ho fatto la mia prima Olimpiade, a 15 anni».

Quando hai fatto il primo tuffo?
«Avevo 4 anni e lo ricordo ancora, il primo tuffo non si scorda mai…».

Se non ave«ssi fatto la tuffatrice, cosa ti sarebbe piaciuto fare?
«Probabilmente sarei diventata una fisioterapista o magari avrei intrapreso gli studi di psicologia e ora sarei una psicologa. Ma sono assolutamente contenta di ciò che sono adesso».

Hai vinto due medaglie d'oro agli ultimi campionati europei a Budapest. Che sensazioni provi in quei momenti?
«Naturalmente una grande felicità perché tutti i sacrifici fatti nei mesi precedenti in preparazione della gara trovano un senso e poi si prova anche una sensazione di liberazione, tutto lo stress accumulato svanisce e lascia il posto a una gioia infinita».

Il tuo mestiere comporta molti sacrifici, qual è quello che più ti pesa?
«Sicuramente la cosa più difficile per me è mantenere un'alimentazione regolare e rigorosa, evitando di esagerare con certi cibi che magari mi piacciono molto. Un'altra cosa non facile è tenere sempre alta la concentrazione negli allenamenti quotidiani».

Qual è l'ultima cosa alla quale pensi appena prima di lanciarti dal trampolino?
«A eseguire il tuffo al meglio. Ripasso mentalmente il gesto tecnico che dovrò eseguire, trovo la concentrazione giusta e poi mi tuffo».

E la prima quando riemergi dall'acqua?
«In questo caso dipende da come è andato il tuffo… mi accorgo subito se è andato bene o male».

CONTINUA A LEGGERE L'INTERVISTA >>

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).