Meno roast beef, più salute

07 ottobre 2010 
<p>Meno roast beef, più salute</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Carne rossa? Sì, ma con moderazione. Alternarla con altri alimenti, infatti, farebbe bene alla salute, soprattutto a quella del cuore. L'invito a mangiare meno carne rossa arriva da studiosi della Harvard School of Public Health di Boston (USA), che per 26 anni hanno seguito più di 84 mila infermiere nell'ambito del Nurses'Health Study. Gli esperti hanno preso in esame donne abituate a consumare due porzioni di carne rossa al giorno (sia in versione fresca, sia lavorata come insaccato) e altre abituate ad alternarla con pietanze diverse.

Il risultato? Nelle prime si è registrato un rischio di malattia coronarica più alto del 30%, mentre nelle altre tale rischio si è ridotto, in misura diversa a seconda dell'opzione alimentare scelta più frequentemente. In particolare, il rischio di malattie coronariche è sceso del 30% nelle donne abituate a sostituire la carne con la frutta secca. A seguire, si è ridotto del 24% in quelle che l'hanno alternata con il pesce; del 19% in chi l'ha sostituita con il pollame e del 13% in chi ha inserito nel proprio regime alimentare anche latticini e prodotti caseari a basso contenuto di grassi (come per esempio latte scremato e yogurt magro).

Perciò, per favorire la salute del cuore e allontanare il rischio di malattie coronariche, sarebbe bene ridurre il consumo di carne rossa. E, stando ai risultati della ricerca, la frutta secca sarebbe l'alimento più utile per la salute del cuore. Ma qui bisogna fare attenzione: ne abbiamo parlato con Mariagrazia Carbonelli, medico nutrizionista. Commenta l'esperta: «Il fatto che la frutta secca (ricca com'è di acidi grassi polinsaturi) giovi alla salute del cuore non deve indurre a considerarla una possibile e valida "alternativa" alla carne. Per due ragioni: sia perché non avrebbe un apporto nutrizionale simile (e le sostituzioni non si fanno tra alimenti dai valori diversi); sia perché, avendo un elevato potere calorico, sarebbe sconsigliata a tutte le persone con problemi di sovrappeso».

Come regolarsi, allora, per scegliere alternative alla carne rossa? «Io direi di orientarsi principalmente sul pesce (e di mangiarlo almeno due o tre volte a settimana) e poi anche sui legumi. La frutta secca, invece, la consiglierei come alimento da considerare a sé (e non come ipotetico surrogato della carne) e solo alle persone che non hanno problemi di linea. Ma sempre in porzioni limitate».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).