La dieta "stretching"

08 ottobre 2010 
<p>La dieta "stretching"</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Non ci pensiamo mai, ma se possiamo muoverci liberamente lo dobbiamo all'azione ammortizzante delle cartilagini che, però, a causa di uno stile di vita sgregolato e di un'alimentazione non proprio equilibrata, possono logorarsi. E addio adorate lezioni di step!

Quel maledetto fastidio al ginocchio che si ripresenta a cadenza regolare impedendoti di andare in palestra. Oppure quel dolorino al gomito che non ne vuole proprio sapere di lasciarti tranquilla durante la lezione di tennis. «Una scocciatura passeggera» - pensi - «non sono mica così vecchia da dovermi preoccupare più di tanto». Ed invece è qui l'errore. Se pensi che problemi del genere capitano solo a tarda età, ti devi ricedere: il 10 per cento della popolazione - tra cui tantissimi giovani che fanno tanta attività fisica, svolgono lavori pesanti o caratterizzati da movimenti ripetitivi - devono fare i conti con il problema delle articolazioni rigide e doloranti. Colpa delle cartilagini che perdono nel tempo il loro effetto ammortizzante. Ma perché succede? Semplice, perché - come tutti gli altri tessuti connettivi dell'organismo - la cartilagine è una struttura viva e dinamica che viene costantemente demolita e rimpiazzata. E quando si degrada più velocemente rispetto al tempo impiegato dall'organismo a sostituirla, ecco che si crea il problema.

Spesso è il segnale di una vita sregolata caratterizzata da fumo, alcool, alimentazione squilibrata, ma anche abbigliamento non congruo alla temperatura esterna, che porta ad una serie di ripetuti stress metabolici. Se poi c'è anche un forte sovrappeso, il cerchio è chiuso: i sovraccarichi cronici delle giunture sono una delle prime cause delle perdita di efficienza elastica delle articolazioni.

In realtà non esiste un'alimentazione specifica in grado di migliorare rapidamente la salute delle strutture elastiche dell'organismo, ma esiste una dieta equilibrata che - seguita nel tempo - garantisce il perfetto funzionamento dell'intero sistema e, in generale, la salute dell'organismo. Tendini  e cartilagini compresi. Però possiamo ovviare a certi inconvenienti con un regime particolare. La dieta di questo mese, quindi, oltre ad apportare le sostanze utili per le cartilagini, è moderatamente ipocalorica (1300-1400 calorie circa) per permettere gradualmente il raggiungimento del peso forma.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).