Weight Watchers: la dieta che prevede i fast food

02 novembre 2010 
<p>Weight Watchers: la dieta che prevede i fast food</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Fare la dieta potrebbe finalmente diventare divertente. O, perlomeno, meno triste di come è stato finora. La WeightWatchers ha, infatti, deciso di abbandonare il suo schema a punti basato su grassi e calorie, vecchio di 15 anni, in favore di un nuovo piano chiamato "ProPoints" che permette qualche (moderata) trasgressione: dai pranzi di compleanno alle puntate al fastfood.

Il cambiamento, spiegano i nutrizionisti della compagnia sul magazine "Grocer", si è reso necessario per stare al passo coi tempi, visto che la scienza ha dimostrato come il vecchio conteggio delle calorie sia impreciso e ormai datato.

Con il nuovo sistema si contano, invece, le quantità e i tipi di proteine, carboidrati, fibre e grassi presenti nei cibi, anche se, come già nel precedente schema, viene assegnata comunque una "quota punti", calcolata in base all'età, al sesso, all'altezza e al peso.

Casomai, la differenza sta nei numeri, visto che se prima la soglia normale da non superare era 18, con il nuovo metodo "ProPoints" sale a 29. Altra novità importante riguarda la frutta e la verdura: con il vecchio sistema, una banana o una barretta di cioccolato a basso contenuto di grassi avevano, infatti, lo stesso punteggio e questo non aiutava di certo a prediligere la prima rispetto alla seconda; nel nuovo schema, invece, frutti e ortaggi sono "point-free", ovvero non vanno a intaccare la quota giornaliera consentita.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).