Fare sport previene il raffreddore

15 novembre 2010 
<p>Fare sport previene il raffreddore</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Allenarsi regolarmente aiuta a tenere alla larga i chili di troppo. Ma anche gli starnuti e i fazzoletti (e tutta la seccatura che ne consegue). Ricercatori dell'Università del North Carolina hanno scoperto infatti che fare sport aiuta a non prendere il raffreddore.

In particolare, gli esperti statunitensi - il cui studio è stato pubblicato sul British Journal of Sports Medicine - hanno riscontrato che per le persone sedentarie il rischio di raffreddarsi è doppio e la relativa sintomatologia riportata più rilevante, perlomeno in un terzo dei casi.

Gli esperti hanno condotto una ricerca nell'autunno-inverno 2008, su circa 1.000 adulti residenti nello stato del Wisconsin (USA). E hanno riscontrato questo: la media dei giorni di raffreddore è stata tra i 4,4 e i 4,9 giorni per le persone molto sportive (quelle abituate ad allenarsi almeno cinque volte alla settimana); tra i 4,9 e i 5,5 per chi si è mantenuto su un'attività media (quella compresa tra le tre e le quattro volte a settimana) e, infine, tra gli 8,2 e gli 8,6 giorni per le persone sedentarie (quelle che non praticavano mai sport o che, al massimo, si dedicavano a qualche esercizio una sola volta a settimana).

Insomma, fare sport aiuta a non contrarre il raffreddore. Per quale ragione? Secondi gli studiosi americani, l'attività fisica produce un temporaneo aumento delle difese immunitarie ed è questo che aiuta a prevenire contagi virali. Perciò, prima di metter mano ai farmaci (a starnuti già iniziati), conviene giocare d'anticipo e "vaccinarsi" con un po' di sano e regolare allenamento.

GUARDA ANCHE: PIU' SPORTIVI, MENO DEPRESSI >>
GUARDA ANCHE: ITALIANI, POCO SPORTIVI >>

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).