Mangiare bene aiuta contro l'influenza

15 novembre 2010 
<p>Mangiare bene aiuta contro l'influenza</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

L'influenza si può prevenire o curare anche a tavola, seguendo un'alimentazione ricca di tutti quei minerali o quelle vitamine in grado di aumentare le difese dell'organismo. Lo ricordano i medici specialisti del Comitato Scientifico dell'Osservatorio Nutrizionale Grana Padano. Che, per l'occasione, hanno anche effettuato una ricerca su un campione di 23.700 persone, per valutare se e quanto è corretta e soddisfacente da questo punto di vista la dieta degli italiani.

Il risultato? Dovremmo mangiare molta più frutta e verdura: in media, ne assumiamo non più di 200 g al giorno. In particolare, poi, dovremmo fare più incetta di agrumi, meravigliose fonti di vitamina C che, per il nostro organismo è un vero toccasana: ha un'azione antinfiammatoria, lo protegge dalle infezioni provocate da virus e batteri e favorisce l'assorbimento del ferro contenuto nelle verdure.

Quanta vitamina C dovremmo assumere ogni giorno? Ne basterebbero 60 milligrammi; 90-100 in gravidanza o durante l'allattamento, ha precisato la dottoressa Michela Barichella, presidente dell'Associazione italiana di Dietetica (ADI) Lombardia e responsabile medico del Servizio dietetico ICP di Milano.

Altri due capisaldi per un'alimentazione sana e in grado di darci una mano contro l'influenza sono i seguenti minerali: ferro e zinco. Ottimi per un buon funzionamento delle difese immunitarie. E qui i dati sulla loro assunzione si dividono: quelli che  riguardano lo zinco sono positivi; quelli che riguardano il ferro, invece, un po' meno. Il suo fabbisogno giornaliero si attesta sui 15-18 milligrammi, mentre la sua assunzione reale si ferma ai 13 milligrammi per gli uomini e addirittura ai 10, 5 per le donne.

GUARDA ANCHE:
LA DIETA PER NON AMMALARSI >>
VACCINO SI' O NO? >>

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).