Succo di pomodoro per le ossa

20 novembre 2010 
<p>Succo di pomodoro per le ossa</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il succo di pomodoro è un prezioso alleato per le ossa. A dirlo, una ricerca dell'Università di Toronto, che ha evidenziato come due bicchieri di succo di pomodoro al giorno rafforzino le ossa e allontanino il rischio osteoporosi e il fattore chiave sembra essere il licopene, ovvero l'antiossidante che apporterebbe già tutta una serie di benefici al nostro corpo, dalla diminuzione del rischio cancro alla prostata negli uomini alla protezione contro l'infarto.

E per arrivare a questa conclusione i ricercatori canadesi hanno fatto un esperimento, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Osteoporosis International, che ha coinvolto 60 donne in post menopausa, quindi fra i 50 e i 60 anni, a cui è stato chiesto di eliminare dalla loro dieta per un mese il pomodoro e tutti i prodotti da esso derivati. Al termine di tale periodo, è stato quindi analizzato il livello del telopeptide-N terminale (NTx), che è la sostanza chimica che viene rilasciata nel sangue quando siamo prossimi ad una frattura ossea, e si è visto come tale valore fosse drasticamente aumentato, con tutti i pericoli che tale cambiamento poteva comportare.

Il passo successivo è stata, quindi, la somministrazione per i quattro mesi successivi alle 60 donne del test di una dose standard di succo di pomodoro con 15 mg di licopene; di una dosa arricchita con 35 mg; di licopene in capsule e di capsule finte. Si è così visto come i livelli del telopeptide-N fossero significativamente diminuiti nelle donne che avevano assunto il succo di pomodoro o il licopene in capsule, mentre quelle a cui erano state date le capsule finte non avevano avuto alcun riscontro positivo.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).