Più tempo in cucina, più gusto ai piatti

24 novembre 2010 
<p>Più tempo in cucina, più gusto ai piatti</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Via piatti pronti, cibi precotti e verdure già belle lavate e tagliuzzate: se l'obiettivo è quello di seguire una dieta senza perdere il sorriso -  per colpa di pietanze leggere sì, ma ben poco gustose e stuzzicanti -  allora conviene armarsi di parannanza e buona volontà. E perdere molto, ma molto tempo in cucina. Perché l'impegno profuso nella preparazione di una determinata pietanza la rende poi molto più appetibile: lo hanno appurato ricercatori dell'Università Johns Hopkins di Baltimora (USA).

 

Gli esperti americani sono giunti a tale scoperta - pubblicata  sulla rivista Proceedings of the Royal Society B - attraverso esperimenti condotti su cavie da laboratorio. Prendendo un gruppo di topolini e ponendoli di fronte a due snack più o meno accessibili - in un caso le cavie, per guadagnarsi da mangiare, dovevano premere una levetta per una sola volta; nell'altro, all'incirca per 15 - gli studiosi hanno notato questo: tra lo spuntino per così dire a portata di zampa e quello che invece, per essere agguantato, ha richiesto uno sforzo maggiore, le cavie hanno preferito di gran lunga il secondo.

 

Questo il commento di Alexander Johnson, coordinatore della ricerca: «Attualmente non sappiamo spiegare il motivo esatto per il quale i cibi ottenuti con uno sforzo maggiore risultano più appetibili, tuttavia abbiamo constatato che è così». E tenere presente tale meccanismo può tornare utile - questo il dato più interessante secondo gli esperti - per rendere più gustosi anche i menu light e tendenzialmente poco invitanti. E fare quindi in modo che il palato apprezzi (e ringrazi) anche in quei casi.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).