Il caffè? Meglio zuccherato

07 dicembre 2010 
<p>Il caffè? Meglio zuccherato</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Stanchezza e distrazione si possono combattere con una semplice tazzina di caffè zuccherato. Perché assumere allo stesso tempo glucosio e caffeina migliora la memoria e rende il cervello più attivo ed efficiente. Lo hanno appurato ricercatori dell'Università di Barcellona in uno studio pubblicato sulla rivista "Human Psychopharmacology: Clinical and Experimental".

Gli esperti spagnoli - guidati dal dottor Josep Serra Grabulosa - hanno reclutato 40 volontari, tutti giovani, in buona salute e abituati a consumare regolarmente una modica quantità di caffeina. A quel punto, gli studiosi hanno dato ad alcuni partecipanti una bevanda a base di caffeina e glucosio, mentre ad altri delle soluzioni placebo o altre contenenti o soltanto glucosio o solo caffeina. Nel frattempo, tutti i volontari sono stati sottoposti a una risonanza magnetica ed ecco cosa è emerso: l'attività cerebrale di tutti i soggetti, all'inizio pressoché identica, si è differenziata in seguito alla bevanda assunta. E ad aver tratto maggiori benefici mentali sono state le persone che hanno assunto caffè zuccherato.

Tuttavia, il ricercatore precisa che i risultati di questa ricerca, essendo il frutto di uno studio condotto su un campione ridotto, necessitano di ulteriori verifiche e approfondimenti. Ma se tutto venisse confermato in futuro, come conciliare memoria e linea? Quanti caffè zuccherati prendersi ogni giorno senza il rischio di lievitare? Lo abbiamo chiesto alla dietologa Michela De Petris.

«In questo senso non c'è da preoccuparsi - rassicura l'esperta - perché non è certo il caffè zuccherato a essere determinante per la linea. Se consideriamo tre caffè al giorno (il numero massimo che mi sentirei di consigliare) e per ognuno di essi calcoliamo un cucchiaino di zucchero o una bustina, arriviamo a un totale giornaliero di appena 60-80 calorie (per intenderci: 5 grammi di zucchero, che sono grosso modo quelli presenti in un cucchiaino o in una bustina, corrispondono all'incirca a 20 calorie). Semmai c'è da dire che spesso si tende ad accompagnare il caffè con cornetti ripieni e dolciumi vari: perciò è su quel fronte che bisognerebbe fare attenzione, sono gli "abbinamenti" che fanno impennare le calorie della pausa caffè».

 

Meglio caffè con zucchero normale o di canna?

«Direi con lo zucchero di canna "integrale", perché è più ricco di proprietà interessanti dal punto di vista nutrizionale (attenzione: esiste anche lo zucchero di canna raffinato, perciò occhio all'etichetta). Comunque ricordiamoci che il glucosio è contenuto anche nel malto, perciò possiamo dolcificare il caffè anche con quest'ultimo. Anzi, potrebbe essere addirittura preferibile: perché il malto, rispetto allo zucchero, comporta uno sbalzo glicemico minore. Perciò attutisce la differenza tra il momento up e quello down, ossia tra l'efficienza che si recupera subito dopo aver preso il caffè e il successivo ritorno della stanchezza».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).