Fast food e snack: parte l'offensiva

25 marzo 2010 
<p>Fast food e snack: parte l'offensiva</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Lo sapevate che un hamburger può arrivare a contare anche 670 calorie, vale a dire il 34 per cento del fabbisogno calorico giornaliero medio di un adulto? Di sicuro non ne sono a conoscenza gli americani, secondo la Food and Drug Adiministration e il presidente Obama e consorte.

La legge sulla sanità tanto voluta dalla Casa Bianca diventa  un vero e proprio "attacco" alla way of life americana. Numerose, infatti, le iniziative a favore di quella che è ormai diventata une vera campagna di convincimento della popolazione ad assumere stili di vita e soprattutto abitudini alimentari più salutari. Qualche giorno fa Michelle Obama ha lanciato un piano per combattere l'obesità infantile, adesso l'attenzione è rivolta verso junk food, distributori automatici di snack e perfino lettini abbronzanti. La riforma, infatti, impone delle nuove regole all'industria del fast food e alla ristorazione in generale, con l'obbligo di indicare il contenuto calorico di ogni portata nei menu e il tetto massimo di calorie quotidiane assumibili per non ingrassare. La Food and Drug Administration vigila perché siano ben visibili non solo le calorie dei cibi, ma anche il loro rapporto e apporto nella dieta quotidiana.

Secondo il dietologo Kelly Brownel, direttore del Center of Food Policy and Obesity dell'università di Yale, si tratta di un progresso importante. «Il consumatore medio - commenta - non capisce cosa significa mangiare un piatto da 600 calorie. Ma i test rivelano che tutto cambia quando gli spieghi che 2.000 calorie al giorno sono più che sufficienti. A questo punto cominciano a stare attenti». Agli americani verrà quindi spiegato che un hamburger all'apparenza innocuo come un Big Mac (Mc Donald) apporta circa 570 calorie, il 27 per cento del fabbisogno calorico giornaliero di un adulto medio. E che addirittura un Whopper (Burger King), ne vale addirittura 670, circa il 34 per cento.

Lo stesso discorso vale per gli snack dei distributori automatici: indicazione del contenuto calorico e fabbisogno medio giornaliero. Perché non tutti sanno che una barretta al cioccolato può valere anche 440 calorie.Che sommato all'hamburger può significare l'avere esaurito il fabbisogno calorico di una donna di media età.

Al di là delle intenzioni salutistiche della Casa Bianca, il Center for Disease, l'istituto per la prevenzione delle epidemie, calcola che gli obesi in America costano fino al 67 per cento in più, a testa, per le cure mediche di cui necessitano. Da qui anche la necessità di informazione e prevenzione e di quella che appare come una vera e propria offensiva. Che non si esaurisce in ambito alimentare, ma è estesa alla salute in generale, con l'iniziativa di imporre una tassa del 10 per cento sui solarium, colpevoli, coi loro lettini abbronzanti, di aumentare il numero dei tumori della pelle.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).