Gli alimenti più odiati

12 maggio 2010 
di C.L.
<p>Gli alimenti più odiati</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Molluschi? No grazie. Verdure? Neanche a parlarne. Nella hit parade dei cibi più odiati dagli italiani sono questi gli alimenti meno graditi. Le verdure si piazzano addirittura in due posizioni, al secondo e terzo posto, rispettivamente sotto forma di minestrone e lessate.

E' quanto risulta da una ricerca condotta su un campione di 10mila utenti di  www.melarossa.it, sito che,  con la supervisione scientifica della Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione, fornisce diete personalizzate.

Gli interpellati, per lo più compresi nella fascia di età tra i 35 e i 49 anni, dovevano per l'appunto indicare un alimento che non avrebbero assolutamente voluto inserire nella loro dieta. I molluschi sono risultati poco graditi da quasi il 10% di loro. Il 9,2% ha detto no al minestrone. Ma sono le verdure in genere a non aver riscosso successo: oltre alla minestra di verdure, gli intervistati dicono di non voler vedere in tavola le verdure lesse (7%) e le verdure grigliate o in padella (4,3%).

Complessivamente, dice questa ricerca, un italiano su cinque esclude in modo categorico dal proprio menù qualcosa che abbia a che fare con le verdure.  Si salva solo l'insalata (esclusa solo dall'1,8%).

Il pesce poi è poco apprezzato dal 5,6% e i legumi non vengono consumati dal 4,8%.  Il latte (ma qui rientra anche chi ha un'intolleranza) viene escluso dal 5,2% e lo yogurt dal 4%. Stessa percentuale (4%) di chi non mangia mai (o forse non digerisce proprio) le uova.

E i cibi più amati? Affettati (non sopportati solo dal 3,9%), formaggi (nella black list solo per il 2,9%) e carni bianche (2,4%). In fondo alla lista, e dunque primi per apprezzamento, ci sono pasta (solo l'1% dice no), il riso, il pane e la frutta, alimenti consumati da più del 99% degli utenti del campione.

Infowww.melarossa.it

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).