Cattiva digestione? Elimina lo stress

17 maggio 2010 
di C.L.
<p>Cattiva digestione? Elimina lo stress</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il benessere parte anche da una corretta digestione. Una conquista che non è per niente scontata visto che quasi sette persone su dieci almeno una volta alla settimana devono fare i conti con senso di gonfiore e pesantezza. Con risvolti non solo fisici perché questi fastidi possono ostacolare la nostra attività sociale, lavorativa e affettiva. I dati emergono da un'indagine demoscopica condotta da Astra Ricerche per l'Effervescente Brioschi.

Anche se "gli stomaci" più sensibili sono quelli delle donne il problema è trasversale ai due sessi. Sono colpiti specialmente i giovani adulti tra i 18-34 anni e gli adulti tra i 45-54 anni, i laureati, gli imprenditori, i dirigenti, i professionisti e chi ha in famiglia bambini e ragazzini di età inferiore ai 15 anni.

Le cause sono spesso legate al nostro stile di vita. Secondo questa ricerca infatti i principali responsabili dell'incremento dei piccoli disturbi di digestione si riconducono a cinque fattori: l'abbassamento della soglia di sopportazione del dolore, il crescente stress esistenziale, il peggioramento degli stili alimentari (primo fra tutti il poco tempo dedicato ai pasti) e dell'umore generale e infine la crisi economico-sociale, che sembra avere effetti anche sullo stato di salute degli italiani.

I rimedi più utilizzati? Il 50 per cento degli intervistati dice di ricorrere a prodotti che favoriscono la digestione: digestivi granulari effervescenti acquistabili nei supermercati (28 per cento) e il bicarbonato di sodio (24 per cento). Il 49 per cento invece sceglie la strada delle limitazioni alimentari, quindi mangiar poco e leggero, dire no agli alcolici, limitare il consumo di vino, caffè e cioccolata. Altri rimedi, infine, sono prodotti erboristici, bevande gassate, liquirizia, digestivi alcolici a fine pasto e movimento fisico.

Ma agire sulla dieta non è sempre la soluzione più appropriata perché la difficoltà digestiva non sempre è legata a quello che mangiamo: a non andare proprio giù sono a volte problemi legati al lavoro (o la sua mancanza), al caos della vita moderna o alla vita sentimentale.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).