La dieta silhouette

25 giugno 2010 
<p>La dieta silhouette</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

La frutta aiuta davvero a dimagrire? Ci sono differenze tra un frutto e l'altro? Queste domande ritornano puntuali ogni anno, quando è più forte il desiderio di perdere qualche centimetro. La frutta, in effetti, è la protagonista indiscussa delle diete estive grazie all'abbondanza di acqua e fibre che svolgono una profonda azione depurativa, e alla ricchezza di potassio dall'effetto drenante.

Il binomio frutta-dimagrimento, però, non trova un favore univoco: c'è chi la caldeggia per i motivi appena citati e chi, invece, pur riconoscendole tanti pregi, invita alla moderazione per evitare un eccesso di zuccheri, nemici della linea.

Chi ha ragione? Di fatto, entrambi, perché la vera discriminante è la quantità, seguita poi dalla tipologia scelta.

I frutti meno calorici sono: anguria (15 calorie per etto), fragole e pesche (27), albicocche, papaia, ribes e nespole (28), lamponi, pere e more (35), ciliegie (38). Tutti gli altri ne hanno un po' di più, sino ad arrivare a uva, banane e kaki che si attestano sulle 60-65 calorie. Si tratta di valori tutto sommato modesti, ma che vanno comunque conteggiati alla fine della giornata, soprattutto se ne consumiamo in abbondanza. Chi mangia molta frutta deve metter in conto almeno 300 calorie giornaliere.

Nella scelta della frutta "amica della linea" bisogna prendere in considerazione anche il suo 'indice glicemico' ovvero la velocità con cui i suoi zuccheri passano nel sangue. Tra i frutti con indice glicemico più basso (da preferire) ci sono fragole, ciliegie, albicocche, mele, frutti di bosco e banana, purchè non consumata troppo matura. L'indice glicemico più alto (da moderare) è prerogativa di ananas, mango e anguria che, pur essendo il frutto meno calorico in assoluto, è la varietà che rilascia zuccheri più rapidamente nel sangue!

Per non sbagliare basta seguire questa regola chiave: quando si mangia la frutta da sola, come spuntino, meglio privilegiare i frutti con indice glicemico più basso oppure privilegiare frutti non troppo maturi e con la buccia (le fibre rallentano l'assorbimento degli zuccheri); mentre se la frutta fa parte del pasto, non ci sono particolari limitazioni poiché la presenza di altri cibi modula l'assorbimento degli zuccheri.

La dieta che vi proponiamo prende in considerazione tutte queste indicazioni ed ha un'ottima efficacia anche sulla ritenzione idrica perché prevede un uso limitato del sale: attenendosi a quanto prescritto si perdono fino a 3 kg in 15 giorni.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
marlene 75 mesi fa

A proposito della frutta.. il mio dtt. naturopata dice che la frutta non va mai mangiata insieme ai pasti ma sin due ore dopo o due ore prima.

GRACE 77 mesi fa

La dieta prevede solo uno spuntino? Se avessi bisogno di farne un secondo cosa posso integrare? o uso la frutta prevista dopo cena? Grazie

catina 78 mesi fa

adoro la frutta,inviate diete,menu con la frutta

sweetelsa 78 mesi fa

Tempo fa lessi su una rivista che e' preferibile un pasto composto da frutta e gelato piuttosto che consumare in eccesso carne,anche una dieta prettamente di pasta e' ritenuta sbagliata;l'abitudine errata del preferire degustare la carne porta dei fattori di rischio per la salute non solo ma da ricerche svolte poiche' i bestiami spesso sono trattati con aggiunti di aditivi di processi sintetici ne alterano la stessa qualita' a discapito del consumatore.Per quanto mi riguarda preferisco piu' la frutta ma e sottolineo il ma in quanto alcune tipi di frutti li detesto quale la pera:MAI MANGIATI IN VITA MIA. Volevo chiederti a riguardo del consumo di frutta: E' vero che la frutta a buccia sottile e che non e' possibile sbucciare, tipo le albicocche, le ciliege ecc. prima del consumo dovrebbero essere lavate con appositi anti pesticidi? Ti pongo questa domanda in quanto mi e' stato detto che quando coltivano frutta, ortaggi ecc. utilizzano cospargere le serre di sostanze anti parassitarie.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).