Carote nere per stare meglio

14 luglio 2010 
di C.L.
<p>Carote nere per stare meglio</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Non esistono solo carote arancioni: ne esistono anche di gialle o addirittura di nere. Così come vi potrebbe capitare prima o poi di addentare pomodori a due tinte: rossi dentro e neri fuori. Si tratta di ortaggi che hanno un colore insolito perché sono stati arricchiti di sostanze con proprietà benefiche.

In ordine cronologico l'ultima nata è la rapa rossa, ricca di antociani, dal potere antiossidante, e di litio, utile nelle cura delle malattie depressive.

Le carote invece già conoscono un'ampia gamma cromatica: nera o "purple carrot" con antociani, gialla con luteina (per chi ha problemi agli occhi), arancione ricca di betacarotene. E presto arriveranno le versioni rosse e bianche.

«Carote di tutti i colori per 'curare' o prevenire malattie diverse - spiegano dall'organizzazione Confagricoltura-. La sempre maggiore attenzione per la salute e la cura del proprio corpo facendo ricorso a tecniche naturali spinge la ricerca scientifica applicata all'agricoltura ad arricchire determinati prodotti di sostanze che hanno proprietà benefiche, come gli antociani, il selenio, la luteina. E il mercato risponde molto bene».

A breve entreranno in commercio anche pomodori viola-nero all'esterno ma con la polpa rossa, frutto della sperimentazione italiana dell'equipe coordinata dal professor Pierdomenico Perata, ricercatore e docente alla scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. Saranno ricchi di antociani, assenti in questo ortaggio.

Intanto negli Stati Uniti si pensa a nuove patate viola che avrebbero le stesse virtù del pomodoro nero (la "Purple Pelisse", messa a punto dalle Università dell'Oregon, dell'Idaho e dello stato di Washington con l'Usda) e a una patata dolce dal cuore viola (frutto dell'università del Kansas), utile per prevenire il cancro.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).