La dieta senza carne

06 agosto 2010 
<p>La dieta senza carne</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Eccoci giunti nel cuore dell'estate. Molte avranno già fatto le ferie, altrettante sono in procinto di partire o sono già in vacanza. Nonostante il diffusissimo desiderio di asciugarsi un po', questo è il periodo dell'anno in cui si fa più fatica a seguire una dieta. Perché agosto è notoriamente il mese del relax, del divertimento e della trasgressione. Anche quella culinaria. Dovendo, però, preparare per voi una dieta estiva, ho pensato di concentrarmi su una richiesta che mi fate frequentemente: una dieta senza carne. Un "taglio" che, in estate, può diventare certamente utile, a fronte del minor fabbisogno di grassi e carne, a favore di cii più freschi, leggeri e digeribili come il pesce e le proteine vegetali. In questo modo si ottiene un "alleggerimento" digestivo e calorico, con un contemporaneo aumento della qualità nutrizionale. A tutto vantaggio di una linea più scattante, una minor ritenzione idrica e una migliore resistenza alle temperature alte.

Nella dieta di questa settimana circa l'80% delle verdure sono crude: oltre ad essere istintivamente piacevole, questo aiuta molto a fare il pieno di vitamine e micronutrienti che andrebbero persi con la cottura e che mai come in questo periodo sono indispensabili per l'organismo.

Ecco a seguire un menu moderatamente ipocalorico (1400-1500 calorie circa) senza carne da seguire per una-due settimane per perdere 2 chili con estrema facilità.

- Per le verdure non ci sono particolari limitazioni, anzi sono consigliabili porzioni abbondanti.
- Se si aggunge lo zucchero bisogna considerare che ogni cucchiaino fornisce 20 calorie circa. Per dolcificare si può usare il dolcificante.
- La frutta prevista si può consumare anche come spuntino
- Il latte vaccino può essere sostituito dal latte di soia, di riso o di kamut.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).