Denti puliti, cuore sano

10 settembre 2010 
<p>Denti puliti, cuore sano</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Tra il regolare utilizzo di spazzolino e dentifricio e il benessere del cuore e del cervello c'è un nesso. Sì, perché lavarsi spesso i denti allontana il rischio di "strokes", ovvero di infarti e ictus. Lo ricordano (confermando ricerche precedenti) esperti inglesi dell'Università di Bristol.

Questa la spiegazione. Secondo gli studiosi - guidati dal professor Howard Jenkinson - una scarsa igiene orale favorisce il proliferare di un batterio. Fin quando quest'ultimo rimane nel cavo orale, non si corrono grossi rischi, se non quelli di sviluppare carie o avere disturbi gengivali.

Ma se si subisce una lesione e si perde sangue all'interno della bocca, allora il discorso cambia. In quei casi, infatti, il batterio - appartenente alla famiglia degli streptococchi - può trasferirsi nel sangue in circolo e incidere in maniera negativa sul suo afflusso al cervello o al cuore. In che modo? Bloccandolo.

In pratica, se questo batterio entra nel sangue, va a scontrarsi con l'azione di "pulizia" messa in atto dal sistema immunitario (o da eventuali antibiotici). A quel punto, per difendersi, tende a formare attorno a sé una sorta di scudo e lo fa aggregando tutte le piastrine che lo circondano. La conseguenza di ciò è che possono determinarsi coaguli di sangue, infiammazioni dei vasi sanguigni o escrescenze sulle valvole cardiache: situazioni, appunto, che possono compromettere il normale afflusso del sangue al cuore e al cervello. Tutti questi dati sono stati presentati dai ricercatori inglesi al MON, la conferenza autunnale della Society for General Microbiology. E pubblicati sulle pagine del "Telegraph".

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Ale 75 mesi fa

Ci voglio credere!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).