Le "hit" del benessere

16 settembre 2010 
<p>Le "hit" del benessere</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Occhio ai brani che si caricano sull'i-pod. Sceglierli in base alla qualità e ai gusti personali va bene, ma non sarebbe male selezionarli anche in base all'incidenza che possono avere sul nostro stato psico-fisico. Perché sì, le canzoni possono alimentare (o mettere a repentaglio) il nostro benessere. Tanto che, proprio per questa ragione, ricercatori scozzesi della Caledonian University di Glasgow hanno stilato una classifica dei pezzi che ci aiutano a stare bene e un'altra delle hit che possono sabotare il nostro mood.

Lo studio condotto dai ricercatori scozzesi è il frutto di un'analisi che durerà tre anni e che è stata finanziata dall'Engineering and Phisical Sciences Research Council. L'obiettivo? Trovare i brani che giovano alla salute per poi individuare i principi in base ai quali poter curare, proprio attraverso la musicoterapia, pazienti affetti da depressione o disturbi dell'umore.

Ma quali sarebbero le canzoni da ascoltare e quelle da maneggiare con cautela? Per quanto riguarda i pezzi che accrescono il benessere, gli studiosi hanno indicato: "Sexual Healing" (Marvin Gaye); "Comfortably Numb" (Pink Floyd); "Last Night a DJ Saved My Life" (Indeep); "Cold Turkey" (John Lennon); "Healing Hands" (Elton John); "Wonderful Life" (Black); "More Than A Feeling" (Boston); "Alright" (Supergrass); "What a Wonderful World" (Louis Armstrong); "I Will Survive" (Gloria Gaynor).

Questi, invece, i brani che possono peggiorare le nostre condizioni mentali e fisiche (alcuni, per gli esperti, compromettono il nostro buonumore già a causa dei termini o concetti negativi contenuti nei titoli): "Cigarettes and Alcohol" (Oasis); "The Drugs Don't Work" (Verve); "Cardiac Arrest" (Madness); "Heaven Knows I'm Miserable Now" (Smiths); "Why Does It Always Rain On Me?" (Travis); "Insane in the Brain" (Cypress Hill); "Manic Monday" (Bangles); "Leave Me Alone" (New Order); "Everybody Hurts" (Rem); "Another One Bites the Dust" (Queen).

Hai anche tu dei "brani del buonumore e del malumore"? Scrivili sotto, tra i commenti >>

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Tonino 74 mesi fa

Questo articolo sulla musicoterapia è veramente interessante. Ho sempre pensato che fosse la musica classica ad accrescere il benessere, il buonumore, a migliorare le condizioni mentali, fisiche e a migliorare gli satti depressivi . Musica lieve e soffusa, senza testo! E' questa che serve, perchè non impegna la mente in parole da collegare tra loro , spesso con un testo incomprensibile e lasciarla libera di spaziare in scenari ed atmosfere dolcissime. Tutto è soggettivo ed è impossibile creare pezzi per tutti. Credo, quindi, che un eventuale elenco dovrebbe essere personalizzato, dopo avere sottoposto il soggetto ad acoltare pezzi in cuffia, mentre con sonde si registrano le sue reazioni fisiche, muscolari e mentali.

Isabella 75 mesi fa

incidenza che possono avere sul nostro stato psico-fisico?? Cigarettes and Alcohol degli Oasis mi da una carica pazzesca e mi mette di buon umore... guarda caso tutte le canzoni che dovrebbero farci stare male sono quasi tutte rock; sinceramente "I Will Survive" di Gloria Gaynor può solo annoiarmi e non avere nessun effetto positivo sulla mia psiche...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).