Muoviti e mangerai meno

22 settembre 2010 
<p>Muoviti e mangerai meno</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Si sa: per tornare in forma bisogna regolarizzarsi nell'alimentazione e svolgere attività fisica. Per fortuna, abbracciare la seconda di queste due sane abitudini consente di settarsi con più facilità sulla prima: sì, fare sport - o, più in generale, muoversi - regala un senso di sazietà e induce a mangiare in maniera più contenuta. Lo sostiene il dottor José Barreto C. Carvalheira, dell'Università di Campinas (Brasile), in uno studio reso noto sulla rivista  "Public Library of Science-Biology".

Secondo l'esperto - che è giunto a tale conclusione attraverso un test condotto su cavie da laboratorio - l'esercizio fisico sensibilizza le cellule nervose: favorisce, cioè, una corretta funzione dei neuroni dell'ipotalamo e tutto questo, in termini pratici, si traduce, appunto, in una riduzione della fame.

Solo un dubbio: ma a volte non succede il contrario? Dopo una lunga passeggiata o un'ora di step, non si torna a casa con una cosiddetta "fame da lupo"? Per avere una delucidazione, ci siamo rivolti alla dietologa Michela De Petris: «Il punto è questo: è vero che fare movimento aiuta ad avere meno appetito - anche perché l'attività fisica stimola la produzione di endorfine, ossia di quelle sostanze che migliorano il tono dell'umore e anche uno stato mentale più positivo contribuisce a ridurre la fame - tuttavia, in questo discorso, bisogna tener conto anche di altri due fattori: il dispendio calorico comportato dall'esercizio fisico e l'intervallo di tempo trascorso dalla fine dell'allenamento (o della passeggiata)».

Spiega l'esperta: «Fino a quando il movimento aiuta a perdere un tot di calorie, è vero, l'appetito diminuisce. Ma quando ne fa consumare tante, "troppe" - vuoi per un allenamento intenso e durato a lungo, vuoi perché l'organismo ha affrontato l'attività fisica senza essere stato "carburato" in precedenza con un opportuno spuntino -  si finisce per andare in deficit di energie e a quel punto sorge la necessità di recuperarle. Come? Mangiando. Ecco perché la fame, in questi casi, aumenta anziché diminuire. Poi c'è il fattore tempo: gli effetti del movimento sull'appetito hanno una durata limitata. Perciò il senso di sazietà è massimo subito dopo l'attività fisica. Poi, piano piano, comincia ad affievolirsi».

Quindi, per arrivare a tavola con una fame più moderata grazie all'attività fisica, bisogna fare attenzione a dosare l'allenamento rispetto alle energie di cui dispone il proprio organismo. E ricordarsi di mangiare qualcosa prima di fare sport o praticare un po' di movimento.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).